domenica 29 gennaio 2012

Pastissada de manzo con il vino raboso


La Pastissada de manzo è un’antica ricetta veneta, sembra che la sua ricetta sia originaria del veronese, vedi la più famosa pastissada de caval. Anche in questo caso esistono numerose varianti della ricetta, e qui di seguito, vi propongo la mia ricetta di famiglia e , come vino ho abbinato un vino prodotto nel mio paese.

Ingredienti per 6 persone:

• 1 kg. di manzo
• 1 vasetto di pomodoro del Piennolo
• 500 ml. di vino raboso
• 1 cipolla bianca di Chioggia
• 1 fettina di lardo
• 1 carota
• 1 spicchio d’aglio
• 1 costa di sedano verde
• ½ limone bio
• 2 chiodi di garofano
• un pizzico di cannella
• rosmarino, salvia , alloro
• sale fino
• pepe nero Ariosto
• olio extra vergine di oliva AlmaverdeBio
• 400 gr. di farina di mais integrale Valier



Procedimento: fare un trito con la cipolla, il lardo, il sedano e la carota, farlo rosolare per alcuni minuti, poi aggiungere la carne e farla rosolare, aggiungere lo spicchio d’aglio con i due chiodi di garofano conficcati, la salvia, il rosmarino, l’alloro e il mezzo limone diviso in 2 spicchi. Quando la carne avrà preso un bel colore, versarci sopra il vino e i pomodori del Piennolo, coprire il tegame e dopo alcuni minuti spegnere il fuoco. Lasciar riposare il tegame in un luogo fresco per almeno 12 ore, l’ideale sarebbe una notte intera. Questo particolare procedimento dona alla carne un sapore forte e molto particolare. Per questa ricetta consiglio di usare un tegame di coccio che abbia le stesse dimensioni del pezzo di cane, e dai bordi alti, perché la carne durante le ore di riposo deve essere completamente coperta dal liquido.

La mattina seguente rimette il tegame sul fuoco e fatelo cuocere a fuoco dolce per almeno 2 ore , 2 ore e mezzo. Quando la carne sarà tenera, lasciarla intiepidire , poi affettatela e rimettetela nel sugo caldo, lasciandola insaporire per alcuni minuti, prima di servirla.

Questo piatto come da consuetudine viene abbinato alla polenta.

Procedimento: portate a bollore l’acqua , aggiungete il sale grosso e la farina di mais a pioggia, mescolate molto velocemente onde evitare il formarsi di grumi, e fate cuocere per 50 minuti, mescolando spesso. Al termine incorporate un filo di olio extra vergine di oliva.
Versate la polenta su un paiolo, poi con l’aiuto di un coppapasta ovale della Guardini ricavate delle forme ovali, che poi dividerete a metà realizzando degli spicchi.

Vino consigliato: Raboso IGT delle Venezie




Vitigno autoctono della Marca Trevigiana, ( che viene prodotto in tutto il Veneto Orientale ) con testimonianze che ne attestano la presenza fin dal 1600, il Raboso produce un vino di grande stoffa, adatto ad un lungo invecchiamento e da sempre legato alla cultura e alle tradizioni contadine delle terre ove viene prodotto. Il Raboso è un vitigno rustico a maturazione tardiva. Il grappolo è compatto, abbastanza grande e di forma cilindrica .
La polpa è caratteristica: astringente, dolce-acidula.
Il colore rosso rubino carico con riflessi granati. Il bouquet ricorda la marasca,la mora di rovo, la violetta e la prugna: un sentore di erbe aromatiche. Da serivire a 16-18° C.
Abbinamenti : da giovane è ottimo con le grigliate e la carne di maiale in generale ; quando acquisisce complessità ed è ottenuto da una grande annata diventa perfetto per la selvaggina, le carni stufate i formaggi stagionati e saporiti.



Con questa ricetta partecipo al giveaway di Parentesi Rosa : vinello una app tutta da bere.
Share:

33 commenti

  1. Voilà un plat magnifique. Bonne soirée. Bisous

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio Amélie .
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  3. non conoscevo questa ricetta, che bel piatto appetitoso! baci, buona settimana ^_^

    RispondiElimina
  4. Bellissima questa ricetta....immagino il profumo !!
    complimenti Daniela :D

    RispondiElimina
  5. Ringrazio:
    @ Puffin
    @ dolcemela
    Buonaserata Daniela.

    RispondiElimina
  6. o mamma che prelibatezza complimenti!un abbraccio ciao

    RispondiElimina
  7. cara Daniela grazie della visita, condivido il commento che hai lasciato da me. Complimenti, come sempre le tue ricette sono perfette come le foto dei tuoi piatti. Baci

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo affatto questo piatto ma è sempre molto interessante e curioso scoprire le ricette delle tradizioni altrui! Ottimo piatto!

    RispondiElimina
  9. Bella ricetta, io conosco la pastissada de caval tipica del veronese,
    Mi tengo la ricetta in evidenza.
    Buona settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  10. Que delicioso se ve, me encanta.

    saludos

    RispondiElimina
  11. Questa ricetta non la conoscevo. Dev'essere ottima!

    RispondiElimina
  12. resto sempre incantata davanti alla tue proposte che sanno di buono,di tradizione e di casa...buona settimana Daniela

    RispondiElimina
  13. I tuoi piatti "opera d'arte" lasciano sempre a bocca aperta!!!
    Un bacione e felicissima settimana!!!!!

    RispondiElimina
  14. Daniela che meraviglia questo piatto di famiglia! Particolarissimo il metodo di cottura a metà tra brasato e marinato!
    In Piemonte piatto molto simile è il brasato al Barolo cotto nel vino, ma io mi impunto sempre sulla cottura perchè come dice la parola io lo faccio "brasare" ovvero cuocere lentamente col vino e non marinare come fanno in molti!
    In ogni caso questo tuo piatto m'ha davvero incuriosito! Particolarissimno! E come sempre complimenti per la tua splendida presentazione del piatto! Un abbraccio! Any

    RispondiElimina
  15. Ringrazio:
    @ Tina
    @ Gianna
    @ Aliza
    @ Claudia
    ò Rosetta
    @ Jose manuel
    @ PolaM
    @ Scarlett
    @ Lory B.
    @ Anastasia
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  16. ciaoo Daniela!ti aspetto al mio contest se ti và..un abbraccio notte

    RispondiElimina
  17. che aspetto invitante questa pastissada!
    certo non la si può mangiare senza un buon rosso :P

    RispondiElimina
  18. Ringrazio:
    @ Tina, faro' il possibile per essere presente
    @ Gio
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  19. Che aspetto invitante e appetitoso, bravissima Daniela!!!!!!

    RispondiElimina
  20. Tti ringrazio speedy70
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  21. pur essendo vicine anche io non conoscevo questa ricetta, la proverò con il manzo. un bacione

    RispondiElimina
  22. buonissimo piatto e ottimo abbinamento, il Raboso ci sta divinamente !

    RispondiElimina
  23. ricetta per me nuova e poi, le ricette della tradizione sono le mie preferite!

    RispondiElimina
  24. amo la cucina regionale e questo piatto mi fa proprio gola! complimenti! originale anche la presentazione :) bravissima!!! buona serata :)

    RispondiElimina
  25. Segnata, so già che farò felice molti amici, con questa ricetta.
    ciao

    RispondiElimina
  26. conosco questo piatto molto simile al brasato, davvero ottimo ed anche il raboso, davvero tanto di cappello... ottimo piatto cara <3 un abbraccio forte

    RispondiElimina
  27. Ringrazio:
    @ Stefania
    @ Chiara
    @ Alessandra
    @ Giovanni
    @ Carla
    @ blu dolci
    Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  28. le tue ricette mi ricordano molto la cucina della nonna di mio marito veneta anche lei.. sarà per questo che le amo tanto? bellissima preparazione:*

    RispondiElimina
  29. Grazie Simona Mirto . Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  30. Ma che buona la pastissada!!!! Io l'adoro, ora mi hai fatto venire la voglia! :P

    RispondiElimina
  31. un piatto splendido, un assaggio lo farei anche subito.Buona serata.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig