martedì 16 maggio 2017

Gnocchi con ragù di agnello e crema di fave




Oggi vi propongo un primo piatto , degli gnocchi di patate fatti in casa, conditi con ragù bianco di agnello , abbinati ad una purea di fave, e per terminare una spolverata di pecorino grattugiato.

Per la ricetta degli gnocchi vi invio a questo post :
Gnocchi al ragù di coniglio con composta di prugne all’aceto balsamico .

Altri ingredienti :
400 gr. di carne trita di agnello
300 ml. di brodo vegetale
1 scalogno
1 carota
1 costa di sedano verde
1 spicchio d’aglio
alloro, timo , rosmarino
pecorino grattugiato
100 ml. di vino bianco secco
sale fino
peperoncino dolce q.b.
olio extra vergine di oliva biologico Terre Rosse

Per la crema di fave :
350 gr. di fave già sgranate
olio extra vergine di oliva Terre Rosse
sale e pepe

Per realizzare questa ricetta ho utilizzato l’olio extra vergine di Oliva Biologico Dop Umbria Colli Assisi - Spoleto prodotto dall’Azienda Agraria Hispellum .



Un olio di altissima qualità ottenuto da una singola varietà di olive. Monocultivar 100% Moraiolo . Un olio per veri intenditori . Pressato a freddo entro 6 ore dalla raccolta. La raccolta avviene esclusivamente a mano. Certificato biologico, kosher-p, D.O.P. regione Umbria colli Assisi-Spoleto. L’azienda produce olio extra vergine di oliva bio esclusivamente ottenuto da olive coltivate sul suo territorio .



Passiamo quindi alla ricetta : lavate e sbucciate le verdure , tritate carota sedano e scalogno, poi fateli rosolare in un tegame con un filo di olio extra vergine di oliva , assieme allo spicchio d'aglio e alla foglia di alloro. Quando le verdure sono ben rosolate, incorporate la carne trita di agnello assieme a timo e rosmarino , fate rosolare a fuoco vivo poi sfumate con il vino bianco. Una volta evaporato il vino aggiungete il sale e un pizzico di peperoncino dolce , abbassate la fiamma aggiungete gradualmente il brodo vegetale e fate cuocere per un'altra ora abbondante. E’ preferibile far riposare questo ragù almeno 2 ore prima di utilizzarlo . Al termine di queste lasso di tempo eliminate le erbe aromatiche e lo spicchio d’aglio .

Per la crema di fave : tuffate le fave in una pentola con abbondante acqua bollente salata; dopo 2 minuti scolatele con un mestolo forato, lasciatele intiepidire poi eliminate la pellicina che le ricopre, quindi frullatele aggiungendo a filo a filo olio extra vergine di oliva e qualche cucchiaio di acqua di cottura della fave, regolate di sale e pepe , coprite e tenete da parte .

Fate cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata , scolateli appena vengono a galla e fateli saltare nel sugo bianco di agnello con una spolverata di pecorino grattugiato .

Presentazione porre al centro del piatto un piccolo mestolo di crema di fave , porre sopra un nido di gnocchi al ragù di agnello, decorare a piacere con uno stelo di erba cipollina. Terminare il piatto con un filo di olio extra vergine di oliva.

Vino consigliato : Nobile di Montepulciano.



Share:

martedì 9 maggio 2017

Insalata di gamberi e verdure con sentori di cedro



Ingredienti per 4 persone :

500 gr. di gamberi
1 carota
1 costa di sedano
1 zucchina
1 spicchio d’aglio
4 pomodorini
50 gr. di insalata tipo  misticanza
sale fino q.b.
peperoncino dolce q.b.
100 ml. di aceto di vino bianco
1/2 limone
3 gambi di prezzemolo
Cedrolio olio extravergine di oliva al cedro Buongustai di Calabria
olio extra vergine di oliva

Cedrolio non è il solito olio aromatizzato ma un condimento che nasce dalla macinazione a freddo, simultanea di olive verdi e cedri freschi calabresi, tagliati a piccoli pezzi. L’Olio Extravergine di Oliva aromatizzato al Cedro di Calabria, è un prodotto tipico ed esclusivo dell’alto Tirreno Cosentino che, grazie al suo gusto inebriante e delicato, si adatta perfettamente come condimento di piatti freddi, insalate, secondi di pesce e carni arrosto.


Lavate bene i gamberi sotto l’acqua corrente senza sgusciarli, perché così la loro carne rimarrà più tenera e gustosa ed inoltre l'operazione di pulitura sarà più facile una volta bolliti.

Mettere a bollire un litro e mezzo d'acqua leggermente salata con l'aceto e il succo di mezzo di limone ; al momento della bollitura immergere i gamberi che subito al contatto con l'acqua calda cambieranno colore diventando rosa. Lasciarli bollire per pochi  minuti (1, 2 al massimo), scolarli e lasciarli intiepidire, poi togliere le teste e sgusciarli , poi  eliminare il budellino centrale .

A questo punto inserite i gamberi nella ciotola con le verdure marinate , aggiungete i gambi di prezzemolo spezzati grossolanamente e i pomodorini a spicchi, mescolate , coprite e lasciare riposare in frigo per circa 15 minuti . Prima di servire i gamberi eliminare dalla ciotola le fettine di aglio e i gambi di prezzemolo .

Presentazione : porre al centro del piatto, un nido di gamberi e verdure marinate , decorare intorno con delle foglioline di misticanza , terminare il piatto con un filo di Cedrolio olio extra vergine di oliva al cedro , che donerà a questa insalata di gamberi e verdure un tocco profumato e davvero originale

Vino consigliato : Ribolla Gialla Tenuta Luisa .

Qui di seguito vi posto questo interessate video sulla coltivazione del cedro calabrese nella famosa riviera dei cedri









Share:

martedì 2 maggio 2017

Filetto di vitello con crema di porri




Ingredienti per 4 persone :

4 medaglioni di filetto di vitello del peso di circa 150 gr. l’uno
1 vasetto di crema di porri Azienda agricola Bertoia
2 rametti di rosmarino
germogli di alfa-alfa e ravanello rosso q.b.
sale fino q.b.
pepe nero q.b.
olio extra vergine di oliva Bonomo


Per questa ricetta ho utilizzato la crema di porri prodotta dall’azienda agricola Cesare Bertoia , un prodotto artigianale molto versatile in cucina . Ingredienti: porro 86%, aceto di vino, olio extra vergine di oliva, sale, pepe.

Procedimento : appiattite leggermente i medaglioni di filetto, tamponateli con carta cucina, poi legate con uno spago in senso circolare ogni medaglione , in modo tale che il medaglione a fine cottura mantenga una forma circolare . Massaggiate da ambo i lati ogni medaglione con un trito di rosmarino e un pizzico di pepe . Inserite i medaglioni in un contenitore di ceramica e irrorateli con la giusta quantità di olio extra vergine di oliva , girateli, copriteli con un film trasparente e lasciateli riposare per una decina di minuti.

Trascorso questo lasso di tempo , ponete sul fuoco una padella antiaderente e quando questa è ben calda fate cuocere i medaglioni di filetto ( 3 minuti per lato per una cottura media .) Al termine della cottura salate la carne ( lasciatela riposare due minuti prima di servirla .)

Fate scaldare a bagnomaria la crema di porri .
Presentazione : porre al centro del piatto un cucchiaio di crema di porri, posizionare sopra il medaglione di filetto, e di seguito un piccolo ciuffo di germogli di ravanello e alfa-alfa .
Terminare il piatto con un filo di olio extra vergine di oliva .

Vino consigliato : Cabernet Sauvignon Tenuta Luisa

Lo scorso 29 aprile il nostro blog : http://danieladiocleziano.blogspot.it/ ha compiuto 8 anni, colgo l’occasione per ringraziare tutti i nostri lettori e tutti gli sponsor . Grazie di cuore .

Daniela e Diocleziano





Share:

martedì 11 aprile 2017

La farinata di ceci , un piatto evergreen



Oggi vi presento la farinata di ceci Tantì , una miscela pronta, alla portata di tutti e di facile preparazione. Con acqua e olio extra vergine d'oliva in soli quindici minuti si può gustare a casa la favolosa farinata di ceci.

Tantì è un nome che le vecchie generazioni di Nizza Monferrato ricordano certamente: Tantì infatti era quel singolare personaggio, che vendeva la farinata nella vecchia cartapaglia, girando su una specie di triciclo coperto, riscaldato e facendo squillare una trombetta che lo rendeva riconoscibile a grandi e bambini.


Oggi Tantì sarebbe oggi orgoglioso di avere dato il nome al primo preparato per farinata, brevettato perché il culto della «belecauda», così si chiama tuttora la farinata a Nizza Monferrato, è stato acquisito proprio dai nonni, ai tempi in cui si mangiava la farinata di «Tantì».

La farinata è multifunzionale, versatile, pratica, naturale e di veloce utilizzo. È un prodotto sano, italiano e senza glutine e può essere lavorato in mille ricette con creatività e fantasia. È un prodotto della tradizione, ma attento anche al gusto dei più giovani. Un ottimo piatto unico, valida alternativa a pizze, focacce ed altri prodotti da forno.

Procediamo ora con la preparazione della farinata in 6 mosse , come da indicazioni sulla confezione :

Versa in una brocca il contenuto di tutta la confezione, compresa la bustina degli aromi, aggiungendo 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva e 600 ml di acqua. Mescola delicatamente il tutto con una frusta per far sciogliere eventuali grumi.

Accendi il forno portandolo alla massima temperatura, concentrando il calore sulla parte superiore con la funzione grill.

Quando la temperatura del forno è al massimo inforna la teglia smaltata unta di olio sul ripiano più alto per qualche decina di secondi.

Rimesta il composto, estrai appena dalla bocca del forno la teglia e versa con cautela il contenuto della brocca.

Chiudi il forno e fai cuocere alla massima temperatura per 10 minuti e per i 5 successivi tieni aperto leggermente lo sportello per smaltire il vapore in eccesso.

Quando la farinata è ben dorata toglila dal forno, lasciala raffreddare 5 minuti e servila.

Ho servito questo piatto della tradizione ligure come una focaccia e l’ho abbinato ad un piatto di salumi .



Ricordo che la farinata di ceci è un piatto molto versatile e si presta a molte ricette dagli stuzzichini, antipasti, primi e secondi piatti .

Per info : http://www.tanti.it/


Share:

martedì 4 aprile 2017

Buongustai di Calabria , un sito per veri gourmet


Di natura sono curiosa , e come appassionata food lover sono sempre alla ricerca di nuovi prodotti , di scoprire nuovi sapori che mi permettano di ampliare i miei orizzonti in cucina . In cucina mi piace sperimentare , ma al contempo sono molto legata alle ricette della tradizione, cerco quando possibile di usare prodotti di stagione ed ho anche una particolare predilezione per i prodotti artigianali e biologici.

Oggi vi presento il sito Buongustai di Calabria



un contenitore virtuale di produzioni enogastronomiche calabresi, artigianali e biologiche. Un sito che vi permetterà di scoprire e conoscere tutti i prodotti tipici della tradizione calabrese .

Ho molto apprezzato la filosofia dei Buongustai di Calabria perché condivido molti dei loro pensieri . La ricerca dei prodotti è per i “Buongustai” passione, condivisione e, quando fanno la spesa, cercano un giusto equilibrio tra qualità è prezzo prestando attenzione non solo al sapore del cibo ma anche all’impressione che ne ricevono. I “Buongustai” sono attenti alla qualità dei prodotti alimentari e al consumo consapevole e, chiedono pertanto, sempre più informazioni su ricette, aspetti nutrizionali, storia e cultura gastronomica, ma anche sugli ingredienti riportati in etichetta, origine territoriale geografica, presenza di marchi di tutela, modalità di produzione, sicurezza e controlli Tutto questo per noi food lover e per tutti i consumatori è sinonimo di garanzia .

Acquistare su Buongustai di Calabria è molto semplice, i prodotti sono tantissimi e suddivisi per categoria : salumi e formaggi tipici, olio extra vergine di oliva , delizie di mare, goloserie alla liquirizia , vini biologici, dolci della tradizione calabrese , miele, confetture e marmellate, pasta artigianale, liquori e distillati ,   e molti altri prodotti da scoprire e provare . Inoltre per ogni prodotto viene consigliato anche l' abbinamento culinario.
Potete visionare anche le idee regalo 2017 dei Buongustai di Calabria .

Nel sito alla sezione informazioni trovate tutte le info per l’acquisto , il pagamento e la consegna . I prodotti vengono spediti nell' arco di 48 ore tramite corriere e  sono perfettamente imballati .
Passo ora a presentarvi i prodotti selezionati dal sito con i quali realizzerò le mie prossime ricette :

Cedrolio Olio Extravergine di Oliva al Cedro


Cedrolio non è il solito olio aromatizzato ma un condimento che nasce dalla macinazione a freddo, simultanea di olive verdi e cedri freschi calabresi, tagliati a piccoli pezzi.
L’olio extravergine di oliva aromatizzato al cedro ha come assoluto protagonista il Cedro di Calabria, agrume originario delle Indie orientali, che venne importato in terra italiana tra il III e il II secolo a.C. dai popoli ellenici che si stanziarono nella parte meridionale del nostro paese.
L’Olio Extravergine di Oliva aromatizzato al Cedro di Calabria, è un prodotto tipico ed esclusivo dell’alto Tirreno Cosentino che, grazie al suo gusto inebriante e delicato, si adatta perfettamente come condimento di piatti freddi, insalate, secondi di pesce e carni arrosto.

Funghi Artigianali della Sila


La Sila, terra di antichi e memorabili sapori, dal microclima particolare e dalla vegetazione rigogliosa, rende i suoi funghi un prodotto unico dal gusto inconfondibile . Funghi misti racchiusi in olio extra vergine d’oliva il quale mantiene concentrati tutti gli aromi naturali per un sapore unico e raffinato, senza conservanti, ne coloranti .Ottimi per primi piatti e antipasti , perfetti per accompagnare bolliti.

Lampascioni Cipolline Selvatiche di Calabria


Lampascioni , cipolline selvatiche di Calabria, artigianali senza conservanti , ne coloranti .
Cipolline dal sapore unico, particolare, leggermente aspro, consistenti e carnose, condite con spezie eccezionali come il peperoncino, l'alloro, il rosmarino, racchiuse in olio Extra Vergine di oliva. Ottime come antipasto associate ad olive, salumi e formaggi accompagnate a vini speziati.




Share:
Blogger Template Created by pipdig