venerdì 2 luglio 2021

Tortiglione con verdure e formaggio di capra al salmone

 

 


 

E' il classico venerdì sera, siete appena tornate dal lavoro e non avete ancora fatto la spesa tanto la farete il giorno dopo , suona il telefono e dall'altro capo un amico vi annuncia che stasera si mangia tutti a casa tua , tanto tu sei brava e in poco tempo riesci a preparare qualcosa di buono. Nel frigo non c'è un granchè , ed ecco quello che ho deciso di preparare , un 'insalatata di pasta semplice e saporita , realizzata con una pasta di altissimo livello , i Tortiglioni Pasta Armando .


Ingredienti per 4 persone :


320 gr. di tortiglione Pasta Armando

2 patate di medie dimensioni

2 carote

1 peperone rosso

2 cucchiai di cipolline agrodolci

150 gr. di formaggio di capra al salmone

1 cucchiaio di prosciutto cotto a dadini

1 cucchiaio di pesto di pistacchio ( ricetta qui

1 ciuffo di basilico

sale q.b.

pepe nero q.b.

olio extra verginedi oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica 

 

Procedimento : sbucciare , lavare e mondare le verdure . Tagliare a cubetti le carote e le patate. In un tagame con abbondante acqua salata far cuocere prima i cubetti di carota e poi i cubetti di patata, versate le verdure in una ciotola e conditele con un filo di olio extra vergine di oliva . Dopo aver privato del picciolo e dei semi , tagliate il peperone a cubetti , poi fatelo saltare velocemente in una wok . Unite i cubetti di peperone nella terrina con le verdure , aggiungete le cipolline agrodolci , i cubetti di prosciutto cotto , regolate di sale e pepe .


Nel frattempo fate cuocere in abbiondante acqua salata i tortiglioni , scolateli al dente e poi passateli sotto un gero di acqua fredda, quindi versateli nella ciotola con le verdure . Incorporate alcune foglioline di basilico spezzettate e un cucchiaio di pesto di pistacchio , mescolate bene , coprite la ciotola e fate riposare in frigo per almeno 45 minuti .

Servite la pasta con alcune rotelline di formaggio di capra al salmone , decorate a piacere con del basilico fresco .


Vino consigliato : Lison delle Venezie

Share:

mercoledì 30 giugno 2021

Mozzarella ripiena di salame gentile con giardino di verdure

 

 


La mozzarella ripiena è una ricetta ideale per l'estate . E' un antipasto originale , fresco e saporito, facile da preparare e soprattutto non necissita di cottura .

 

Ingredienti per 4 persone :

4 mozzarelle fior di latte da 125 gr.

80 gr. di Salame Gentile del Suino d'Oro tagliato sottile  Salumificio La Rocca

12 pomodorini datterini

40 gr. di rucola

1/4 di limone bio

2 cucchiai di pesto al pistacchio ( ricetta qui ) 

fiori eduli q.b.

sale fino q.b.

pepe nero q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica

 

Il Salame gentile (Salam Gentil) è un prodotto tradizionale Piacentino che risponde ai requisiti stabiliti da un preciso disciplinare di produzione, E’ valorizzato dal Consorzio dei Salumi Tipici Piacentini. 

Rientra tra I prodotti agroalimentari tradizionali  italiani (PAT)  prodotti inclusi in un apposito elenco, predisposto dal Ministrero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. 

Fatto con trito misto proveniente da carne suina fresca nazionale. Salato a mano e insaccato in bello gentile di suino calibrato.Legato a mano. Stagionato 45/90 giorni.

Insaporito con gli stessi ingredienti della concia piacentina senza però enfatizzare gli aromi, senza nessun tipo di allergene, senza glutine né derivati del latte. Al taglio si presenta di colore vivo rosso/rosa nelle parti magre e bianco in quelle miste, a grana media.

Di consistenza compatta, sapore dolce e sapido di carne stagionata, lievi sentori di pepe e noce moscata, aroma equilibrato e leggermente speziato

 

Procedimento : privare le mozzarelle della calotta interna in modo da formare un incavo ( la parte di mozzarella eliminata , la utilizzerete per condire insalate di riso oppure a vostro gradimento . )

Farcite le mozzarelle con le fettine di salame gentile . Preparare una leggera vinaigrette con olio exrtra vergine di oliva , il succo di limone , sale e pepe .

Stendere la rucola e i pomodorini datterini sul piatto, poi spruzzarli con un velo leggero di vinaigrette.

Il tocco particolare di questo piatto è dato dalle gocce di pesto di pistacchio che decorano tutto il piatto anche la mozzarella e che con gli altri ingredienti creano un connubio davvero particolare . Decorare a piacere con fiori eduli freschi .


Vino consigliato : Fiano di Avellino


 

Share:

mercoledì 23 giugno 2021

Antipasti con i salumi La Rocca

 


Fiocco di prosciutto "Il Cortigiano"
Salumificio La Rocca
con carciofini sott'olio, olive verdi e radicchio trevigiano . Un antipasto che farà la felicità dei vostri ospiti .Il Fiocco di prosciutto, proviene dalla stessa coscia di suino nazionale dalla quale proviene anche il Culatello (infatti veniva chiamato erroneamente fiocco di culatello). E’ la noce di carne più piccola a fianco del femore. Dopo la rifilatura avviene la salagione a secco con sale e spezie. Dopo una prima fase di riposo in rete elastica, si procede alla tradizionale legatura a mano, che conferisce il tipico aspetto ovale. Segue la lenta stagionatura che si protrae per almeno sei mesi in ambienti umidi e freschi, ma la maturazione può arrivare tranquillamente all’anno per i pezzi più grossi. .I salumi La Rocca sono presenti oltre che sul loro sito sul portale di Artimondo per vendite e spedizioni nei seguenti paesi d’Europa: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, a questo indirizzo:https://www.artimondo.it/vendor_store/salumificio-la-rocca.
Per finire sono presenti anche per il mondo Horeca ( ristoranti, gastronomie, bar o catering) così colpito dalla pandemia attivato una linea preferenziale e poter attivare previo la registrazione ad un listino scontato : https://www.salumificiolarocca.com/it/page/219-horeca.html

 


 Il lusso della semplicità : fettine di guanciale il suino d'oro la Goletta

con fette di pane fresco bruschettato . Un favoloso intermezzo, ideale per il brunch della domenica .

  

Uova sode con salsa tonnata, capperi sott' olio, cipolla di Tropea e salame piacentino Dop

 


 Uova sode con salsa tonnata, capperi sott' olio, cipolla di Tropea e salame piacentino Dop

 

Share:

lunedì 21 giugno 2021

Spaghetti con l‘nduja di Spilinga , carote e zucchine

 


 

La ‘nduja nasce come preparazione contadina ideata per utilizzare gli avanzi e gli scarti del maiale , oggi è un prodotto tipico molto conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

È un alimento molto versatile e che non necessita conservanti data l’abbondanza del peperoncino che è un conservante naturale.

La nduja è il salume piccante spalmabile più famoso della Calabria. Dal gusto unico e deciso, questo particolare salume nasce nel comprensorio di Spilinga e i suoi ingredienti principali sono carne suina e peperoncino, tutto ovviamente calabrese.

Per la mia ricetta io ho utilizato la ‘nduja di Spilinga di Delizie Vaticane e per la ricetta mi sono ispirata alla ricetta di Alessandra , alla quale io ho aggiunto carote e zucchne croccanti .

Ingredienti 4 persone :

280 gr. di spaghetti Pasta Armando

130 gr. di ‘nduja di Spilinga Delizie Vaticane

2 zucchine verdi

1 carota

1 spicchio d'aglio 

1 ciuffo di erba oliva

sale e pepe q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica 

 


Procedimento :lavare e mondare le verdure, tagliare le zucchine a cubetti e carote a tagliatelle .

In una padella con un filo di olio extra vergine di oliva fate rosolare dolcemente uno spicchio d'aglio, poi fate saltare velocemente le tagliatelle di carote e quindi versatele in un piatto.

Nella stessa padella fare saltare le zucchine , ovviamente il tempo di cottura è più lungo delle carote , le zucchine devono essere cotte ma ancora croccanti . Versate le zucchine nel piatto con le carote condite con un pizzico di sale e pepe e un trito di erba oliva.

Fate cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata , scolateli al dente e conditeli con l'‘nduja e con le verdure croccanti , servite subito. Decorate a piacere con fiori eduli ed erbe aromatiche fresche .

 

Vino consigliato : 

 


Cabernet Sauvignon Vini dell'Isonzo Castello di Spessa




 

 



Share:

venerdì 18 giugno 2021

Fusilli con il tonno fresco e pomodorini



Ingredienti per 4 persone:

280 gr. di fusilli Pasta Armando
1 trancio di tonno fresco da 300 gr. circa

200 gr. di pomodori ciliegini1 peperoncino fresco

1 spicchio d’aglio
un pizzico di origano

2 cucchiai di olive taggiasche 

 1 cucchiaio di capperi dissalati La Nicchia

4 steli di prezzemolo

1 stelo di timo
sale q.b.
olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica

Procedimento: immergete il trancio di tonno in una bacinella con acqua fredda ( meglio se aggiungete alcuni cubetti di ghiaccio ), per almeno 30 minuti. Lavate i pomodorini e tagliateli in 4 parti, poneteli in un colino in modo che possano perdere l’acqua in eccesso.
Sciacquate il trancio ed asciugatelo con carta cucina, eliminate la pelle, quindi tagliatelo a cubetti non molto grossi.
Tritate finemente il prezzemolo e il timo.
Ponete sul fuoco una padella ( abbastanza grande da poter saltare la pasta ) con un filo d’olio extra vergine di oliva, aggiungere il peperoncino tritato e lo spicchio d’aglio intero, appena l’aglio prende colore, aggiungete i capperi dissalati , il tonno,  ( rosolatelo velocemente ), unite quindi i pomodorini, le olie taggiasche,  il sale ed un pizzico di origano, portate quindi a cottura , 12 minuti circa ( eliminare a questo punto lo spicchio d’aglio ).
Fate cuocere i fusilli in abbondante acqua salata, scolateli al dente, fateli saltare nel sugo, assieme ad una parte del trito di erbe aromatiche.

Impiattare la pasta e decorare a piacere con un ciuffo di prezzemolo.

Come vino consiglio di abbinare questo piatto ad un Pinot Grigio delle Venezie, servito fresco.



 

 

Share:

lunedì 14 giugno 2021

Filetto di maiale con ciliege e insalate esotiche

 

 


 E' arrivata la stagione delle ciliege ed io ho pensato di realizzare questo secondo piatto :

Filetto di maiale con ciliege e insalata esotiche

in casa tutti lo hanno apprezzato.

 

Ingredienti per 4 persone :

4 medaglion i di filetto di maiale

350 gr. di ciliege ( duroni , non troppo maturi )

½ cipolla rossa di Tropea Delizie Vaticane

90 ml. di marsala

70 gr. di insalata esotica 

1 cucchiaino di senape dolce

¼ di limone bio

farina per impanare q.b.

1 foglia di alloro

1 ciuffo di prezzemolo

sale marino alle erbe biologiche di Sicilia per carne Azienda Agricola Biologica Bonomo

pepe nero q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda agricola Biologica .

Procedimento : infarinare da tutti i lati i medaglioni di filetto di maiale e farli rosolare in una padella antiaderente con un filo di olio extra vergine d'oliva , quache minuto per lato ( devono risultare rosati all'interno , perchè poi saranno sottopostnad una seconda cottura ) . Estraete i medaglioni e depositateli su un piatto ricoperto da carta paglia . Poi conditeli con la salatura per carne .

Nel frattempo tritate finemente la cipolla rossa di Tropea e fatela rosolare in padella con un filo di olio extra vergine di oliva assieme alla foglia di alloro, aggiungete le ciliege denocciolate , mescolate per far insaporire il tutto , poi sfumate con il marsala e una volta sfumato aggiungete la senape dolce e un trito di prezzemolo. Continuate la cottura a fuoco dolce sino a quando le ciliege diventeranno morbide . A questo punto incorporate nella padella i filetti di maiale impanati e lasciateli insaporire nella composta di ciliege per alcuni minuti, girandoli spesso . Servite i filetti con l'insalata esotica condita con una vinaigrette di olio, succo di limone , sale e pepe .


Vino consigliato :

 


 

Cabernet Veneto IGT " Campo Croce "  Luvit&Lumoè

 

 

Share:

domenica 6 giugno 2021

La frisella pugliese a modo mio

 

 


Della frisella pugliese ne avevo sentito parlare ma non l'avevo mai provata . Cosa mi sono persa !!!Non potevo nemmeno immaginare quanto è buona  e le svariate ricette che si possono realizzare con questo prodotto tipico della cucina pugliese.

 Ingredienti per 4 persone:

4 friselle pugliesi di Altamura di semola di grano duro

8 fettine di culatta con cotenna il mandolino Salumificio La Rocca

170 gr. di mozzarelline

1 cipolla rossa di Tropea Delizie Vaticane

4 pomodori ramati maturi

20 pomodorini datterini maturi

erba oliva q.b.

origano secco q.b.

sale fino q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda agricola Biologica .

La Culatta  con cotenna il Mandolino proviene dalla lavorazione della stessa parte anatomica del Culatello, cioè la parte più pregiata del prosciutto. La differenza sta nel fatto che viene lasciato con due dita di grasso sotto la sua cotenna naturale e con l’anchetta, un piccolo ossicino a forma di conchiglia, che serve a proteggere il prodotto nella lunga stagionatura. E' lavorato e sugnato come fosse un prosciutto e alla fine, dopo più di un anno di stagionatura, risulta dolcissimo e ricco di aromi. .

I salumi La Rocca sono presenti oltre che sul loro sito sul portale di Artimondo per vendite e spedizioni nei seguenti paesi d’Europa: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, a questo indirizzo:https://www.artimondo.it/vendor_store/salumificio-la-rocca.Per finire sono presenti anche per il mondo Horeca ( ristoranti, gastronomie, bar o catering) così colpito dalla pandemia attivato una linea preferenziale e poter attivare previo la registrazione ad un listino scontato : https://www.salumificiolarocca.com/it/page/219-horeca.html

Procedimento :

Per la ricetta base della frisella mi sono affidata a Ornella una vera esperta in questa campo .

Come primo passaggio si inizia con la “sponzatura” .

Cosa vuol dire “sponzare”? Riferito alle friselle, è un verbo davvero intraducibile. Bagnare o inzuppare non rendono l’idea . Bagnate la frisella in una ciotola con acqua a temperatura ambiente. Mai sotto il getto del rubinetto. altrimenti la sponzaturta non sarà omogenea e non potrete regolarvi con i tempi necessari. Per quanto tempo dovete sponzare le friselle? Bella domanda. Nè troppo, nè troppo poco. Bisogna tastarle: la superficie dovrà risultare leggermente ammorbidita mentre il fondo dovrebbe essere quasi integro.

Mettetela in un piatto e fate un generoso giro d’olio extravergine;

salate;

Sopra la frisella spremete i pomodori rossi  ramati col il loro liquido di vegetazione ed i semi, strofinandoli bene sulla superficie rugosa; ho tagliato a tocchetti i pomodori , mentre i datterini ( che non li avevo spremuti li ho tagliati longitudinalmente .

Continuate con due buoni giri di olio;


 

Salate i pomodori;

Distribuite uniformemente un pizzico di origano secco e  dell'erba oliva tritata

Io ho poi aggiunto delle mozzarelline , delle fettine di cipolla rossa e solo prima di servirle ho posizionato al centro due fettine di culatta con cotenna . Ho decorato con alcuni ciuffi di erba oliva che a mio avviso sono perfetti in questo contesto.

 

Vino consigliato : Primitivo di Manduria .

 

 

 

 
Share:

sabato 29 maggio 2021

Incontro del prosciutto crudo di San Daniele con gli asparagi bianchi di Cimadolmo e la fonduta di formaggio strega alle erbe

 

 

Sono stata gentilmente invitata a partecipare al Wine Bouquet Contest By Follador e con questo articolo vi presento "Laelia" - Prosecco D.O.C. Treviso Rosé Brut ; uno spumante delizioso dal gusto fresco e vivace . Un millesimato di colore rosa tenue brillante , con una buona struttura e persistenza a base di uva Glera e con un taglio del 10% di Pinot nero .

 

Il piatto che ho ideato per far esaltare tutti i profumi e i sentori di questo Prosecco Rosé Brut e :

Incontro del prosciutto crudo di San Daniele con gli asparagi bianchi di Cimadolmo e la fonduta di formaggio strega alle erbe

Gli asparagi vengono cotti nella tradizionale asparagera , accompagnati da una leggera fonduta di formaggio strega alle erbe e da un crumble di prosciutto crudo . Nel piatto è presente anche del prosciutto crudo al naturale , perchè dopo aver assaporato gli asparagi con la fonduta e il crumble, volevo far testare anche il prosciutto crudo in naturalezza.

Il formaggio Strega alle erbe viene prodotto con il latte fresco dei masi di montagna del Trentino Alto Adige e con 15 tipi di erbe aromatiche e fiori di montagna che lo arricchiscono.

Ingredienti per 4 persone :

12 asparagi bianchi di Cimadolmo

12 fette di prosciutto crudo di San Daniele

sale e pepe q.b.

olio di semi di mais q.b.

Procedimento : pulite e mondate gli asparagi , poi lavateli con cura e fateli bollire in acqua leggermente salata per circa 10 minuti . Ricordatevi di legare assieme i gambi a mazzolino in modo che possano cuocere “in piedi” nell'asparagera e che la punta che è la parte più tenera dell'asparago non deve essere immersa in acqua. E’ sufficiente il vapore dell’acqua per cuocerli.

Una volta pronti, fateli saltare in padella con un filo di olio di semi di mais . Aggiungete un pizzico di sale e di pepe
 
Per il crumble di prosciutto crudo

30 gr. di prosciutto crudo di San Daniele in una sola fetta .

Procedimento : fate rosolare in una padella antiaderente ben calda ( senza olio ) la fetta di prosciutto pochi secondi per lato , il tempo di farla diventare croccante . Appena pronta stendetela su un foglio di carta paglia per eliminare il grasso in eccesso, poi sbriciolatela con l'aiuto di un coltello da cucina . Tenete il crumble da parte in una ciotolina.

Per la fonduta

Ingredienti :

150 gr. di formaggio delle streghe

30 gr. di pecorino grattugiato

50 ml. di latte

panna da cucina q.b.

Procedimento : la cottura della fonduta va fatta a bagnomaria in modo da sciogliere dolcemente il formaggio e realizzare una fonduta cremosa . Prendere una pentola e una casseruola più piccola che possa entrare nella prima . Mettete 2 dita d'acqua nella pentola e adagiate il recipente più piccolo al suo interno , quindi posizionatele sul fornello a fiamma moderata . Quando l'acqua inizia a scaldarsi versate nella casseruola il latte e quando questo è quasi caldo unite il formaggio delle streghe tagliato a piccoli pezzi e mescolate con una frusta , quando il formaggio è quasi sciolto incorporate il pecorino grattugiato , continuate a mescolate ed aggiungete un filo di panna per uniformare il tutto .

Presentazione del piatto : 

 

stendere sulla parte bassa del piatto la fonduta calda di formaggio strega alle erbe , depositare sopra gli asparagi bianchi appena saltati e sopra un cucchiaio di fonduta con il crumble di prosciutto crudo . Nella parte superiore del piatto stendete una fetta di prosciutto crudo e al centro una rosellina di prosciutto crudo . Servite subito e buon appetito .

Con questo abbinamento cibo/vino partecipo #WineBouquetFollador #FolladorProsecco by @FolladorProsecco.

 In questo contesto ho deciso di abbinare un pezzo dei

Creedence Clearwater Revival - Have You Ever Seen The Rain


 

Share:

giovedì 27 maggio 2021

Involtini di melanzane con pesce spada affumicato e pesto di pistacchio

 

 


 Le melanzane grigliate sono una ricetta facile da preparare e molto saporita . L'antipasto che vi presento oggi è una ricetta siciliana a base di melanzane , pesce spada affumicato e pesto di pistacchio , provata alcuni anni fa in vacanza a Palermo e mi è rimasta nel cuore . Annotatevi questa ricetta , è semplice e di sicuro effetto e sono certa che questo connubio di sapori conquisteà anche voi .


Ingredienti per 4 persone :

3 melanzane lunghe

pesce spada affumicato appena affettato q.b.

sale grosso q.b.

150 gr. di granella di pistacchi

40 gr. di parmigiano grattugiato

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda agricola Biologica

Procedimento : porre nel boccale del frullatore la granella di pistacchio , il parmigiano grattugiato e a filo a filo l'olio extra vergine di oliva , frullate sino ad ottenere un pesto cremoso . Assaggiate ed eventualmente regolate di sale .

Lavate le melanzane, asciugatele, privatele del picciolo e tagliatele in fettine spesse ( circa 05 cm. ) , dopodiché immergetele in un recipiente con acqua e aceto per 5 minuti, al termine dei quali potrete scolarle, cospargerle con del sale grosso e lasciarle riposare per circa 10 minuti in uno scolapasta affinché perdano un po’ del liquido di vegetazione.

Terminato il tempo tamponatele con un panno pulito per rimuovere il sale .

Ponete le fettine di melanzane sulla griglia calda e oliata e fatele cuocere per circa 10 minuti, girandole su ambo i lati.

Farcite ogni fettina di melanzana grigliata con 2 fettine di pesce spada affumicato , quindi avvolgete a cilindro , continuate a quesrto modo sin ad aver esaurito tutte le melanzane grigliate .

Presentazione : 

servire ad ogni commensale 3 involtini con sopra il pesto di melanzane , e buon appetito .

 

Vino consigliato : Pinot grigio delle Venezie

 

Share:

martedì 18 maggio 2021

Insalata gourmet con mozzarella e mousse di cipolla di Tropea


 

Adoro le insalate da sempre , sono un piatto unico sano , nutriente e veloce da preparare.

Ma come realizzare un'isalata gourmet che possa essere apprezzata da tutti i vostri ospiti ? E quali caratteristiche deve avere un'insalata gormet ? 

Un valido aiuto mi è giunto da questo articolo di Dissapore , dove in 10 punti si delineano tutte le qualità che deve avere un'insalata gourmet . Mi ha particolarmente colpito il punto n.8 dove si dice che l'insalata gourmet deve essere un pasto colorato , attrente , perchè l'aspetto di una pietanza è la prima cosa che colpisce a livello visivo la persona che si appresta a degustare il piatto . Deve essere croccante , sfiziosa, nutriente,  ti deve far sentire in forma senza essere appesantito , e tradotto il tutto in una sola parola : appagato

Seguendo le indicazioni di questo interessante articolo ho realizzato la mia prima insalata gourmet realizzata in base alla disponibilità della mia dispensa e del mio orticello.

Ingredienti per 4 persone :

50 gr. di misticanza

alcune foglioline di nasturzio

alcune foglioline di acetosa

1 vasetto di mousse di cipolla di Tropea Delizie Vaticane

250 gr. di mozzarella

7 pomodorini 

 1 cucchiaio di pomodori datterini confit

2 piccole zucchine

1 carota

¼ di limone

sale e pepe q.b.

olio extra verginedi oliva Bonono Azienda Agricola Biologica

 

Procedimento : estraete la mozzarella dal liquido di governo e fatela scolare in frigo per circa 20 minuti .

Versare in una ciotola la giusta quantità di olio extra vergine di oliva con il succo limone , sale e pepe , sbattete con una forchetta , coprite e conservate in frigo

Lavate ed asciugate con cura tutte le verdure, affettate le zucchine e poi arrotolate le fettine su se stesse con un po' di olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale fino . Affettate la carota a tagliatella .

Presentazione del piatto : spruzzare sul fondo del piatto un po' di vinaigrette, poi ogni comensale deciderà se aggiungerne ancora . Stendere le verdure in ordine sparso ( la mistizanza , il nasturzo , l'acetosa , i pomodorini, le tagliatelle di carota , i rotolini di zucchine, i pomodorini confit ecc. Posizionate sul piatto 4 rettangolini di mozzarella e sopra ad ognuno di essi posizionare mezzo cucchiano di mousse di cipolla di Tropea . Servite subito. 

Consigliodi servire questa insalatata gourmet con del pane tipo ciabatta , caratterizzato da una crosta esterna e una mollica interna molto alveolata .

 Vino consigliato : Lagrein rosè.

 

 

Share:

venerdì 14 maggio 2021

Il fusillone con sugo di coppa piacentina Dop “La Regina ”

 

 

Sono sempre alla ricerca di nuove ricette semplici e veloci , ma non banali . Ricette saporite e particolari , da realizzare magari quando si hanno pochi ingredienti in dispensa. E cosi' una sera mi è venuta l'idea di preparare questa pasta : 

Il fusillone con sugo di coppa piacentina Dop “La Regina ”,                                                                

che vi consiglio di provare perchè è davvero molto saporita .

 

Ingredienti per 4 persone :

280 gr. di fusilloni Pasta Armando

1 barattolo da 400 gr. di pelati biologici Rosso Gargano

11 fettine sottili di coppa piacentina Dop stagionata La Regina Salumificio la Rocca

1ciuffo di prezzemolo

1 cipolla di Tropea Delizie Vaticane

2 rametti di maggiorana

3 rametti di erba oliva

1 spicchio d'aglio

1 foglia di alloro

sale e pepe q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica


 


 

Procedimento : tritate finemente al coltello 7 fettine di coppa piacentina Dop .

Tritate la cipolla di Tropea con il prezzemolo, l'erba oliva e la maggiorna , poi fate rosolare il tutto in una casseruola con 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva assieme allo spicchio d'aglio e alla foglia di alloro . Incorporare  la coppa tritata e fatela ben rosolare , poi sfumate con il vino bianco e una volta sfumato il vino , aggiungete i pelati biologici e fate cuocere a fuoco dolce per 15-20 minuti , sino a quando il sugo si sarà addensato. Al termine della cottura regolate di sale e pepe.

Fate cuocere i fusilloni in abbondante acqua salata , scolateli al dente e fateli e fateli saltare velocemente nel sugo di coppa piacentina.

Servite il piatto con una fettina sottile di coppa piacentina Dop stagionata e decorate a piacere con erbe aromatiche fresche ,io prezzemolo ed erba oliva , usate nella preparazione del sugo .

Vino consigliato : Barbera del Monferrato

 

 

Share:

lunedì 10 maggio 2021

Cosce di faraona al forno con asparagi verdi e cipolline in agrodolce di Tropea

 


 

Apprezzo molto la carne di faraona e cerco sempre di trovare nuove combinazioni culinarie per far esaltare il suo sapore .


Ingredienti per 4 persone :

4 cosce di faraona

1 vasetto di cipolline intere IGP in agrodolce Delizie Vaticane di Tropea

1 cipolla rossa di tropea Delizie Vaticane

2 fettine di pancetta piacentina Dop La Castellana Salumificio La Rocca

4 asparagi verdi

200 ml. di vino bianco secco 

1/2 limone

1 rametto di rosmarino

2 foglie di alloro

4 foglie di acetosa

alcuni gambi di prezzemolo

un pizzico di sommacco Bonomo Azienda Agricola Biologica

sale e pepe q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica 

 


Le Cipolline rosse di Tropea che abbinato alla carne di faraona sono conservate in agrodolce per esaltarne profumo e gusto. L'agrodolce di questa cipolline è davvero particolaree coinvolgente per l'aggiunta di una spezia che in questo contesto fa la differnza : i chiodi di garofano .  Questa specialità calabrese è prodotta artigianalmente da Delizie Vaticane di Tropea secondo le antiche ricette contadine . 

Procedimento : fiammeggiare le coscie di faraona ( passate le cosce di faraona sul fornello ) per eliminare gli eventuali residui di piume , poi sciacquatele bene sotto l'acqua corrente e tamponatele con carta cucina .

Mondare , lavare e poi dividere in 4 parti la cipolla di Tropea . Versare in un sacchetto a chiusura ermetica il succo del limone , la giusta quantità di olio extra vergine di oliva , la cipolla di Tropea , le erbe aromatiche , ( gambi di prezzemolo, alloro e rosmarino ) un pizzico di sommacco e poi la carne di faraona , chiudere il sacchetto e sbattere bene in modo che la carne possa imsaporirsi .

Il sommacco o sumak , è una spezia antica, da sempre diffusa in Medio oriente e in tutto il bacino del Mediterraneo. Era caduta in disuso in Italia ma in questi ultimi anni è stato riscoperto e valorizzato in Sicilia .Il sapore è leggermente astringente e acidulo ed infatti viene usata  sul pesce, sulle verdure, sulla carne, sui legumi, insalate , sia a fine cottura cottura che a crudo o come marinata.

Ho preparato questo sacchetto la sera precedente e l'ho lasciato riposato in frigo tuuta la notte , in modo la che lunga marinatura abbia modo di togliere il selvatico della carne e di insaporirla. 

Al mattino seguente fare un trito finissimo con la pancetta e farla rosolare in una casseruola con 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva , a questo punto aggiungere il carne del sachetto con la sua marinata , dar ben rosolare da entrambi i lati poi sfumare con il vino bianco . Una volta sfumato il vino salate e pepate .

Versare la carne con il suo fondo di cottura in una pirofila, porla sul forno caldo a 200° e farla cuocere per circa 45-50 minuti , aggiungendo acqua , oppure brodo vegetale quando necessario .

Nel frattempo mondare gli asparagi verdi, lavarli e poi farli cuocere al dente nell'asparagera . Scolarli e farli saltare velocemente nel fondo di cottura della faraona . 

Composizione del piatto : porre sul piatto la coscia di faraona forno, depositare a fianco l'asparago verde e di lato 3 cipolline in agrodolce di Tropea . Terminare il piatto con una foglia di acetosa e un filo di olio extra vergine di oliva .

Vino consigliato :

 



San Serff Doc Collio Rosso Castello di Spessa

 

 


Share:

martedì 4 maggio 2021

Pane tostato con casatella trevigiana,mousse di cipolla di Tropea e pesce spada affumicato

 


La mousse di cipolla di Tropea è un prodotto di nicchia realizzato dall' Azienda Delizie Vaticane a livello artigianale . Io ho scoperto questa Azienda e i suoi prodotti grazie ad un'amica ed ho subito acquistato i loro prodotti on line sul  sito : https://www.delizievaticane.it/.

La mousse di cipolla per il suo particolare gusto e sapore è eccezionale abbinata ai formaggi, alle carni arroste e bolliti , ai salumi e ad infine anche al pesce , come suggeriscono le ultime frontiere della gastronomia . Basta sbizzarrire la fantasia per realizzare nuovi abbinamenti interessanti .

Con la mousse di cipolle di Tropea io ho realizzato questa ricetta , ideale da abbinare all'aperitivo.

 

Pane tostato con casatella trevigiana,mousse di cipolla di Tropea e pesce spada affumicato

Ingredienti per 4 persone :

4 fette di pane casereccio

mousse di cipolla di Tropea q.b.

100 gr. di casatella trevigiana

4 fette di pesce spada affumicato appena affettato


Procedimento : tostare il pane , poi spalmare un lato con la casatella di Treviso , di seguito porre un cucchiaino di mousse di cipolla di Tropea e sopra una fetta di pesce spada appena affettato, servire subito .

Questa è una ricetta davvero molto semplice , ma come spesso ricordo in questo blog , bastano pochi ingredienti di altissimo livello  per realizzare una grande ricetta. Segnatevi questo aperitivo , sono certa che riceverete molti complimenti dai vostri ospiti. Questo connubio di ingredienti è a mio avviso perfettamente azzecccato.


Vino consigliato : Pinot grigio friulano

 

 

 

Share:

martedì 27 aprile 2021

Risotto con pancetta, patate e cipolla rossa di Tropea

 


Oggi vi presento un primo piatto semplice e molto saporito in cui il contrasto tra la croccantezza delle pancetta , la morbidezza dei cubetti di patate e il gusto sapido e al contempo delicato dei cipollotti di Tropea si assapora ad ogni boccone . Un piatto della cucina povera che vi consiglio di provare . Qui la cipolla di Tropea è presente in due consistenze , è un piatto facilmente digeribile , grazie alle proprietà della cipolla di Tropea detta anche cipolla miele.

 

Ingredienti per 4 persone :

280 gr. di riso vialone nano

2 cipollotti freschi di Tropea Delizie Vaticane 

1 patata di medie dimensioni

3 fettine di pancetta piacentina Dop La castellana Salumificio La Rocca

900 ml.di brodo vegetale

1 foglia di alloro

3 cucchai di formaggio pecorino grattugiato

sale fino q.b.

pepe nero q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo- Azienda Agricola Biologica 

Procedimento : affettare 1 cipollotto e mezzo , tritare grossolamente le fette di pancetta , sbucciare la patate , lavarla e poi tagliarla a cubetti .

Far rosolare in una casseruola i cipolloti con la pancetta tritata , fino a rendere il tutto croccante , incoporare i cubetti di patate con la foglia di alloro e far rosolare per 1 minuto . 

Aggiungere 1 mestolo di brodo vegetale e lasciar ridurre , a questo punto aggiungere il riso e farlo tostare. Portare a cottura aggiungendo del brodo vegetale man mano che viene assorbito , mescolando spesso.

A fuoco spento mantecare con il pecorino e con un filo di olio extra vergine di oliva , assaggiare ed eventuamente regolare di sale . Aggiungere una macinata di pepe nero. 

Servire il risotto con delle fettine sottili di cipollotto di Tropea e con un filo di olio extra vergine di oliva. 

Decorare a piacere con fiori ed erbe aromatiche freschi .


Vino consigliato :

 


 Prosecco Extra Dry Luvit & Lumoè

 

Share:

mercoledì 21 aprile 2021

Spaghetti alla chitarra con cozze e vongole




Gli spaghetti alla chitarra con cozze e vongole sono un piatto di mare che io adoro . Si tratta di un piatto semplice e genuino ( un po' elaborato ) ma allo stesso tempo raffinato e adatto alle occasioni più importanti.

Cozze e vongole vengono preparati lavando bene i molluschi e facendoli aprire in una padella con dell’aglio e olio, quindi staccandone una parte dal guscio. Rimetteremo cozze e vongole nella padella unendole agli spaghetti lessati al dente e serviremo in tavola dopo una breve mantecatura

Ingredienti per 4 persone :

280 gr. di chitarra Pasta Armando

700 gr. di cozze

500 gr. di vongole

170 ml. di vino bianco secco

2 spicchi d'aglio

7 pomodorini

prezzemolo q.b.

Un pizzico di peperoncino

sale q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo- Azienda Agricola Biologica  

Procedimento : iniziamo con le vongole . Per prima cosa procediamo con la selezione e spurgatura delle vongole: rompere la retina e trasferire le vongole in un contenitore.
Eliminare le vongole aperte e le vongole morte .Per verificare se le vongole contengono della sabbia è bene sbatterle una per volta su di un contenitore, quindi le trasferiamo in una bacinella
con una soluzione salina al 2% ( 20 gr, di sale per ogni litro di acqua ) per farle spurgare, per circa 2 ore. Trascorso questo lasso di tempo, sciacquarle bene sotto l’acqua corrente, poi trasferirle in un’altra bacinella con dell’acqua pulita e cambiare l’acqua 3 o 4 volte, sino a quando l’acqua risulta limpida.

In una larga padella fare un soffritto con ½ spicchio d’aglio e due cucchiai di l’olio extra vergine di oliva. Aggiungere le vongole e il vino bianco, coprite e fate saltare a fuoco vivo per 3-4 minuti in modo che le vongole si aprano, ma i molluschi rimangono semicrudi e morbidi all’interno.

Una volta che le vongole si sono aperte, separate le vongole dal liquido di cottura: trasferitele in un contenitore, eliminate i gusci conservandone alcuni per decorazione del piatto.
Il liquido rilasciato dalle vongole è il vero condimento del piatto.

Con un colino, con all’interno una garza filtrare il liquido di cottura per eliminare eventuali residui di sabbia che si sono formati. Fate addensare sul fuoco il liquido di cottura per 3 minuti circa, aggiustate di sale.

Passiamo ora alle cozze . Pulire bene le cozze raschiandole con un coltellino in modo da eliminare le incrostazioni ed eventuali residui presenti, quindi eliminare il bisso strappandolo, poi lavarle in abbondante acqua corrente. 

Trasferire le cozze in una larga padella con tre cucchiai di olio extra vergine di oliva, uno spicchio d’aglio , i gambi di prezzemolo , un pizzico di peperoncino e il vino bianco.   Mettere il coperchio e lasciate aprire i frutti di mare ( 5 minuti circa ) a fuoco vivace. Togliere dal fuoco e scolare i frutti di mare , eliminare le cozze che non si sono aperte , e prelevate i frutti dai gusci. Filtrate il liquido di cottura .  

Eliminare la pelle e i semi dei pomodorini , poi tritare grossolanamente la polpa . 

Versare in una padella il liquido filtrato di cottura delle cozze e porlo sul fuoco assieme e al pomodoro tritato e far cuocere a fuoco dolce per circa 7 minuti , quindi aggiungere cozze , vongole e il loto fondo e far ridurre cuocendo per altri 3 minuti o fino a quando il sugo avrà ottenuto la consistenza desiderata . Al termine regolare di sale .

Far cuocere la chitarra in abbondante acqua leggermente salata , scolarla al dente e poi farla saltare nel sugo di cozze e von gole , servire subito .

Vino consigliato : 

Prosecco D.o.c. Treviso – Extradry LUVIT & LUM

 





 

 

 

Share:

sabato 10 aprile 2021

Farfalle agli spinaci con piselli e pancetta

 

 


Le farfalle agli spinaci con piselli e pancetta è un primo piatto molto saporito e facile da preparare . E' un piatto che piace a tutti in famiglia , grandi e piccini .

 

Ingredienti per 4 persone :

250 gr. di farfalle agli spinaci Tarall'oro

180 gr. di piselli sgranati ( io surgelati )

5 fette di pancetta piacentina Dop La Castellana Salumificio La Rocca

200 ml. di brodo vegetale

1 cipollotto di Tropea Delizie Vaticane

1 cucchiaio di stracchino

1 foglia di alloro

alcuni steli di prezzemolo

2 rametti di maggiorana

sale fino q.b.

pepe nero q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo- Azienda Agricola Biologica  

Procedimento : tritate finemente il cipollotto di Tropea e fatelo appassire in una casseruola con 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva . 

Unite 2 fette di pancetta tritate grossolanamente al coltello e fatele rosolare . 

Aggiungete il prezzemolo, la foglia di alloro e alcune foglioline di maggiorana e i piselli, lasciate insaporire qualche minuto, quindi aggiungete un mestolo di brodo caldo e cuocete fino a quando i piselli saranno diventati teneri, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo del brodo quando necessario . A termine cottura eliminate la foglia di alloro e regolate di sale e pepe .

Nel frattempo tagliate grossolanamente con un coltello da cucina le restanti fettedi pancetta e fatele appena rosolare in una padella ben calda senza olio . 

Depositate la pancetta rosolata su carta paglia e fatela asciugare . 

Fate cuocere le farfalle agli spinaci in abbondante acqua salata , scolatele al dente e fatela saltare nella padella con piselli e pancetta assieme al cucchiaio di stracchino . 

Servite il piatto con dei ciuffi dui pancetta rosolata e con erbe e fiori edul freschi .

 

Vino consigliato : Montefalco Rosso Doc Cantina Colle Mora


 Video della settimana :





Share:

giovedì 1 aprile 2021

Insalata di moscardini alla mediterranea

 

 

 

Nella mia zona il moscardino è molto apprezzato , infatti amico del fondali sabbiosi dell’alto Adriatico il moscardino di Caorle fa parte della più antica tradizione veneta, e  la sua pesca è praticata da secoli al largo del litorale di Caorle. Si presta a mille preparazioni , bollito e in umido è un cibo saporito, e particolarmente leggero, reperibile tutto l’anno.

A differenza del polpo, il moscardino possiede un'unica fila di ventose per ogni tentacolo, il colore è marroncino con riflessi grigio-brunastri con alcune macchie nere sul dorso; appena pescato emana un caratteristico odore di muschio, da cui deriva il nome di moscardino.

 

Ingredienti per 4 persone :

1 Kg. di moscardini

700 gr. di patate

1 cipollotto di Tropea

100 ml. di vino bianco secco

1 spicchio d'aglio

un mazzetto di prezzemolo 

3 foglioline di basilico 

 1 costa di sedano bianco 

1 foglia di alloro

1 cucchiaio di capperi in olio extra vergine din oliva La Nicchia

1 cucchiaio di pomodorini confit

sale e pepe q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo- Azienda Agricola Biologica  


Avevo provato a casa di un'amica dei prodotti a base di cipolla di Tropea e mi erano piaciuti moltissimo, e così li ho acquistati anch'io sul sito : https://www.delizievaticane.it/Questa ricetta è stata realizzata con la cipolla fresca di Tropea, dolce , saporita e digeribile : è proprio lei , che assieme agli altri ingredienti crea la combinazione perfetta in questa ricetta . Ho acquistate tante altre delizie sul sito, vi aspetto con le prossime ricette .

Procedimento : pulite i moscardini, eliminando la vescichetta dell’inchiostro e gli occhi e sciacquateli bene sotto l’acqua corrente .Metteteli in una casseruola, copriteli con acqua insaporita da un bicchiere di vino, uno spicchio di aglio, un ciuffo di prezzemolo e una foglia di alloro, poi lessateli per 20′-30' a partire dall’ebollizione . Ovviamente il tempo di cottura dipende dalle dimensioni dei moscardini , i miei erano piuttosto grandi e li ho fatti cuocere per 25'.

Nel frattempo lessate le patate , lasciatele intiepidire , poi sbucciatele e tagliatele e pezzi piuttosto grossi . Mettete in un'insalatiera assieme alla giusta quantità di olio extra vergine di oliva un trito di prezzemolo , il basilico spezzettato , cipolla di Tropea affettata a rondelle e il sedano tritato, aggiungete sale e pepe , mescolate bene , per far insaporire l'intingolo . 

Incorporate i moscardini bolliti ( se sono grandi come nel mio caso divideteli a metà ) , le patate , i capperi sott'olio e i ciliegini confit , mescolate e servite subito . Decorate con delle fettine di cipolla di Tropea e con erbe aromaticghe fresche . 

Data la stagione ho servito quest insalata tiepida , ma in estate è ottima anche fredda .


Vino consigliato :

 


Sauvignon D.O.C. Friuli Isonzo Castello di Spessa 

 

 

Share:
Blogger Template Created by pipdig