domenica 19 agosto 2018

Spiedini con la campanella del borgo



Buongiorno a tutti , ho realizzato questi spiedini per la cena a buffet di ferragosto, sono facili da realizzare e il risultato è garantito.
L'occasione perfetta per far conoscere ed apprezzare ai miei amici “La campanella Del Borgo” prodotta dal Salumificio La Rocca ; un salume originario della Val d’Arda , che deve il  nome alla  sua forma caratteristica a triangolo che ricorda appunto i campanelli delle porte di una volta. E’ un prodotto antico che è stato riscoperto grazie ai racconti di un vecchio norcino Arquatese. 

Fatta con trito misto proveniente da carne suina fresca nazionale. Salata a mano e insaccata in pelletta di suino naturale, detta anche pelle di sugna. Legata a mano e stagionata dai 30 ai 60 giorni. Insaporita con gli stessi ingredienti semplici legati alla tradizione della concia piacentina, senza nessun tipo di allergene, senza glutine né derivati del latte.


Al taglio si presenta di colore vivo rosso nelle parti magre e bianco/rosa in quelle miste, grana media. Di consistenza morbida ma compatta, se ben stagionata ha un sapore intenso ma sempre con note dolci, aroma leggermente speziato con note di mandorla e frutta secca. Il budello sottile permette un rapido asciugamento che mitiga la fermentazione e rende il boccato più dolce.

Ingredienti per 18 spiedini :

18 fette di campanella del Borgo Salumificio La Rocca
170 gr. di formaggio fresco con rucola
18 pomodori datterini
18 olive verdi giganti denocciolate

Questi spiedini sono di semplice realizzazione , ma è l'altissima qualità di questo salume che li rende davvero particolari, e siatene certi i vostri ospiti li ricorderanno . 
Ricordo che questo salume per esprimere tutte le sue potenzialità va affettato solo pochi minuti prima di essere servito , in questo caso solo pochi minuti prima di realizzare gli spedini. 

Il formaggio fresco con la rucola è un formaggio leggero , simile alla ricotta e aromatizzato con rucola fresca . 

 Procedimento : tagliare a cubetti il formaggio fresco con la rucola . Infilzare ogni spiedino prima con un cubetto di formaggio fresco alla rucola , poi con una fetta di campanella del borgo piegata a portafoglio , di seguito con l'oliva verde gigante ed infine con il datterino rosso, ecco realizzato il boccone goloso della serata . 

Vino consigliato : Montefalco rosso Doc 2013 Cantina Colle Mora





Share:

martedì 7 agosto 2018

Vitello rosa con contorno di pomodori secchi, capperi e olive



Oggi vi presento una ricetta che affianca la delicatezza della carne di vitello alla vivacità di un classico contorno mediterraneo di pomodori secchi , capperi e olive in olio extra vergine di oliva , prodotto dall'azienda La Nicchia di Pantelleria .
Pomodori selezionati accuratamente con una buona carnosità in un giusto equilibrio tra aroma e sapidità arricchiti dell'aroma del cappero e dell'oliva verde. Ideali per insalate e bruschette e come contorno per piatti di carne bianca.


Ingredienti per 6 persone :
700 g di girello di vitello
2 vasetti di pomodori secchi, capperi e olive in olio extra vergine di oliva La Nicchia 
insalata tipo misticanza q.b.
alloro
rosmarino
1 spicchio d'aglio
sale marino ai capperi La Nicchia 
pepe bianco
olio extravergine di oliva

Il sale di capperi è l'assoluta novità 2017 dell'azienda La Nicchia: un sale di capperi senza capperi! Prodotto da sempre considerato come scarto di lavorazione, è un sale marino impregnato di acqua di vegetazione che i capperi rilasciano in fase di maturazione. Aroma e sale sono quindi intimamente compenetrati attraverso un processo naturale di fermentazione del cappero. Perfetto per insaporire insalate e da utilizzare a crudo su piatti di carne, pesce e formaggi freschi.

Procedimento : preparare il mix di spezie ed aromi che serviranno ad aromatizzare la carne, riunire dunque l'alloro spezzettato, il rosmarino, l'aglio a fettine , il sale ai capperi e il pepe. Rotolare il pezzo di carne nel miscuglio di spezie preparato. Ungere le mani con un cucchiaio di olio extravergine d'oliva e massaggiare la carne aromatizzata. .
Scaldare una padella con tre cucchiai di olio extra vergine di oliva, quando l'olio è ben caldo rosolare la carne, lato per lato, rigirandola spesso per una rosolatura uniforme. La rosolatura dovrà durare dai 7 agli 8 minuti .
Preparare una teglia rettangolare e versare circa 300 ml. di acqua. Posizionare una griglia da forno sopra alla teglia con l'acqua. Appoggiare la carne ancora bollente sulla griglia, direttamente sopra alla vaschetta preparata: il grasso della carne scenderà nella teglia ed eviterà così bruciature e cattivi odori  . Chiudere il forno e cuocere per 20-25 minuti a 200°C. La carne sarà pronta quando il cuore del girello arriverà alla temperatura di 70-75°C .( in modo da ottenere una carne con il cuore rosato ).

Rimuovere la carne dal forno e avvolgerla in un foglio di alluminio , lasciatela riposare per 30 minuti , poi eliminate il foglio , posizionatela in un piatto e fatela raffreddare , poi inseritela nel frigo . 
Se come nel mio caso volete servirla fredda , è preferibile farla raffreddare in frigo e poi tagliarla con l'affettatrice . Se invece volete servirla tiepida affettatela a mano .
 Far sgocciolare i vasetti con i pomodori secchi capperi e olive . 
Servire la carne affettata con il contorno di pomodori secchi capperi e oliva , abbinare alcune foglioline di misticanza non condite

Vino consigliato : Cabernet Sauvignon della Linea “ I Ferretti " di Tenuta Luisa




Share:

domenica 29 luglio 2018

Spaghetti rigati con sugo di cozze e pesto leggero di mandorle




Ingredienti per 4 persone :

250 gr, di spaghetti rigati, pasta artigianale con semola di grano
Senatore Cappelli Biologico Pastificio Tarall'oro 
500 gr. di cozze
1 pomodoro ramato maturo
2 spicchi d'aglio
1 peperoncino
100 ml. di vino bianco secco
2 cucchiai di mandorle sgusciate di Sicilia  Bonomo
1 ciuffo di prezzemolo
2 ciuffi di basilico
sale q.b.
olio Extravergine di oliva - Monocultivar Cerasuola Bonomo

Procedimento : pulire bene le cozze raschiandole con un coltellino in modo da eliminare le incrostazioni ed eventuali residui presenti, quindi eliminare il bisso strappandolo, poi lavarle in abbondante acqua corrente. 
Trasferire le cozze in una larga padella con tre cucchiai di olio extra vergine di oliva, uno spicchio d’aglio , i gambi di prezzemolo , il peperoncino tritato e il vino bianco.   Mettere il coperchio e lasciate aprire i frutti di mare ( 5 minuti circa ) a fuoco vivace. Togliere dal fuoco e scolare i frutti di mare , eliminare le cozze che non si sono aperte , e prelevate i frutti dai gusci. Filtrate il liquido di cottura .  
Tritare grossolanamante le cozze .
Eliminare la pelle e i semi del pomodoro, poi tritare finemente la polpa . 

Versare in una padella il liquido filtrato di cottura delle cozze e porlo sul fuoco assieme ad uno spicchio d'aglio e al pomodoro tritato e far cuocere a fuoco dolce per circa 10 minuti , quindi aggiungere il battuto di cozze, e far ridurre cuocendo per altri 5 minuti o fino a quando il sugo avrà ottenuto la consistenza desiderata . Al termine regolare di sale . Spegnere il fuoco e tenere in caldo.

Procediamo ora col pesto leggero di mandorle : porre nel boccale del frullatore le mandorle spellate e tritate grossolanamente , il prezzemolo e il basilico , un filo di olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale , frullare sino ad ottenere una crema, aggiungere quindi a filo a filo altro olio extra vergine di oliva, sino ad ottenere un pesto piuttosto fluido.

Far cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolarli al dente e farli saltare nel sugo di cozze tritate.

Presentazione : porre sul fondo del piatto 2 cucchiai di pesto leggero di mandorle depositare sopra un nido di spaghetti al sugo di cozze. Servire subito .

Vino consigliato : Trebbiano Spoletino DOC 2016  Cantina Colle Mora

Video della settimana:



Avete notato il bassista con la camicia color arancio ? Vi ricorda qualcuno ? 
Si è proprio lui : Ronn Moss il più famoso Ridge del serial Beautiful , infatti nel 1976 Moss si unì come bassista ad altri 3 musicisti con i quali formò il gruppo Player. 
Baby Come Back è il pezzo più famoso di questo gruppo .


 
Share:

domenica 22 luglio 2018

La penna gluten free con seppie , pomodorini rossi e gialli e capperi.



Oggi vi presento la Pasta Armando glutenfree ; una pasta realizzata con un mix di cereali selezionati , che ha un sapore delizioso ed equilibrato, formulata per i celiaci . 
Con questa pasta ho realizzato un primo piatto squisito e facile da preparare: bastano pochi ingredienti per realizzare una pietanza veloce che conquisterà tutti con la sua bontà tutta mediterranea. Vi consiglio di annotarla , vi tornerà utili quando avrete ospiti celiaci.


Ingredienti per 4 persone :
320 gr. di penna Armando glutenfree 
200 gr. di seppie bollite
1 cucchiaio di capperi piccoli dissalati La Nicchia
1 spicchio d'aglio
 prezzemolo tritato q.b.
basilico q.b.
sale fino fino q.b.
pepe nero q.b.
olio Extravergine di oliva - Monocultivar Cerasuola Bonomo

Procedimento : lavare i pomodori datterini rossi e gialli e tagliarli a metà .

In una padella fate rosolare con 5 cucchiai di olio extra vergine di oliva uno spicchio d'aglio e una foglia di alloro , abbassate la fiamma aggiungete i capperi dissalati e fate insaporire bene insaporire l'intingolo, facendoli cuocere per 5 minuti, quindi incorporate la seppia bollita tagliate a listarelle e i datterini rossi e gialli . Fate cuocere a fuoco basso finché i pomodori non si saranno ammorbiditi a abbiano formato un sughetto cremoso. Al termine della cottura eliminate lo spicchio d'aglio e la foglia di alloro, regolate di sale e pepe . 

Fate cuocere le penne in abbondante acqua salata , scolatele al dente e fatele saltare nel sugo appena preparato. Terminate il piatto con una spolverata di prezzemolo tritato e un filo di olio extra vergine di oliva . Decorare a piacere con del basilico fresco.







Share:

mercoledì 18 luglio 2018

Mopur con radicchio di campo e ricotta bio





Il mopur, o carne vegetale, è un derivato del grano prodotto dalla naturale fermentazione del frumento. Facilmente digeribile è privo di colesterolo ed ha un alto apporto proteico ed energetico .
Il mopur viene proposto sotto varie forme, dallo spezzatino al filetto, dall'arrosto fino al macinato . Per il piatto che vi presento oggi ho scelto il Mopur affettato aromatizzato al pepe .  Un affettato che dona al palato un piacevole aroma dal cuore delicato contrapposto ad un manto dal tono speziato leggermente piccante.

Ingredienti per 4 persone :

25 fette di mopur aromatizzato al pepe
1 vasetto di radicchio di campo sott'olio Azienda Agricola Cesare Bertoia 
8 foglie di spinacino
70 gr. di ricotta Bio Tomasoni 
8 foglie di basilico violetto
fiori di geranei odorosi q.b.

Per la ricetta di oggi ho utilizzato il radicchio di campo sott’olio , prodotto dall'azienda Agricola Cesare Bertoia .


Far cadere sul piatto di servizio alcune gocce dell'olio di governo del radicchio di campo, depositare sopra le fette di mopur ( io ne ho piegato 4 a portafoglio ed ho posto al centro una fetta distesa ) di seguito la ricotta bio a cubetti e al centro di radicchio di campo. 
Terminare con altre gocce di olio di governo del radicchio in ordine sparso, in modo da far bene insaporire il mopur con l'aroma del radicchio.

Decorate con foglie di spinacino e basilico violetto, che a mio parere ben si abbinano  con gli ingredienti che compongono il piatto .. 

Terminare il piatto con dei petali di gerenei odorosi.




Share:
Blogger Template Created by pipdig