mercoledì 30 giugno 2021

Mozzarella ripiena di salame gentile con giardino di verdure

 

 


La mozzarella ripiena è una ricetta ideale per l'estate . E' un antipasto originale , fresco e saporito, facile da preparare e soprattutto non necissita di cottura .

 

Ingredienti per 4 persone :

4 mozzarelle fior di latte da 125 gr.

80 gr. di Salame Gentile del Suino d'Oro tagliato sottile  Salumificio La Rocca

12 pomodorini datterini

40 gr. di rucola

1/4 di limone bio

2 cucchiai di pesto al pistacchio ( ricetta qui ) 

fiori eduli q.b.

sale fino q.b.

pepe nero q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica

 

Il Salame gentile (Salam Gentil) è un prodotto tradizionale Piacentino che risponde ai requisiti stabiliti da un preciso disciplinare di produzione, E’ valorizzato dal Consorzio dei Salumi Tipici Piacentini. 

Rientra tra I prodotti agroalimentari tradizionali  italiani (PAT)  prodotti inclusi in un apposito elenco, predisposto dal Ministrero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. 

Fatto con trito misto proveniente da carne suina fresca nazionale. Salato a mano e insaccato in bello gentile di suino calibrato.Legato a mano. Stagionato 45/90 giorni.

Insaporito con gli stessi ingredienti della concia piacentina senza però enfatizzare gli aromi, senza nessun tipo di allergene, senza glutine né derivati del latte. Al taglio si presenta di colore vivo rosso/rosa nelle parti magre e bianco in quelle miste, a grana media.

Di consistenza compatta, sapore dolce e sapido di carne stagionata, lievi sentori di pepe e noce moscata, aroma equilibrato e leggermente speziato

 

Procedimento : privare le mozzarelle della calotta interna in modo da formare un incavo ( la parte di mozzarella eliminata , la utilizzerete per condire insalate di riso oppure a vostro gradimento . )

Farcite le mozzarelle con le fettine di salame gentile . Preparare una leggera vinaigrette con olio exrtra vergine di oliva , il succo di limone , sale e pepe .

Stendere la rucola e i pomodorini datterini sul piatto, poi spruzzarli con un velo leggero di vinaigrette.

Il tocco particolare di questo piatto è dato dalle gocce di pesto di pistacchio che decorano tutto il piatto anche la mozzarella e che con gli altri ingredienti creano un connubio davvero particolare . Decorare a piacere con fiori eduli freschi .


Vino consigliato : Fiano di Avellino


 

Share:

mercoledì 23 giugno 2021

Antipasti con i salumi La Rocca

 


Fiocco di prosciutto "Il Cortigiano"
Salumificio La Rocca
con carciofini sott'olio, olive verdi e radicchio trevigiano . Un antipasto che farà la felicità dei vostri ospiti .Il Fiocco di prosciutto, proviene dalla stessa coscia di suino nazionale dalla quale proviene anche il Culatello (infatti veniva chiamato erroneamente fiocco di culatello). E’ la noce di carne più piccola a fianco del femore. Dopo la rifilatura avviene la salagione a secco con sale e spezie. Dopo una prima fase di riposo in rete elastica, si procede alla tradizionale legatura a mano, che conferisce il tipico aspetto ovale. Segue la lenta stagionatura che si protrae per almeno sei mesi in ambienti umidi e freschi, ma la maturazione può arrivare tranquillamente all’anno per i pezzi più grossi. .I salumi La Rocca sono presenti oltre che sul loro sito sul portale di Artimondo per vendite e spedizioni nei seguenti paesi d’Europa: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, a questo indirizzo:https://www.artimondo.it/vendor_store/salumificio-la-rocca.
Per finire sono presenti anche per il mondo Horeca ( ristoranti, gastronomie, bar o catering) così colpito dalla pandemia attivato una linea preferenziale e poter attivare previo la registrazione ad un listino scontato : https://www.salumificiolarocca.com/it/page/219-horeca.html

 


 Il lusso della semplicità : fettine di guanciale il suino d'oro la Goletta

con fette di pane fresco bruschettato . Un favoloso intermezzo, ideale per il brunch della domenica .

  

Uova sode con salsa tonnata, capperi sott' olio, cipolla di Tropea e salame piacentino Dop

 


 Uova sode con salsa tonnata, capperi sott' olio, cipolla di Tropea e salame piacentino Dop

 

Share:

lunedì 21 giugno 2021

Spaghetti con l‘nduja di Spilinga , carote e zucchine

 


 

La ‘nduja nasce come preparazione contadina ideata per utilizzare gli avanzi e gli scarti del maiale , oggi è un prodotto tipico molto conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

È un alimento molto versatile e che non necessita conservanti data l’abbondanza del peperoncino che è un conservante naturale.

La nduja è il salume piccante spalmabile più famoso della Calabria. Dal gusto unico e deciso, questo particolare salume nasce nel comprensorio di Spilinga e i suoi ingredienti principali sono carne suina e peperoncino, tutto ovviamente calabrese.

Per la mia ricetta io ho utilizato la ‘nduja di Spilinga di Delizie Vaticane e per la ricetta mi sono ispirata alla ricetta di Alessandra , alla quale io ho aggiunto carote e zucchne croccanti .

Ingredienti 4 persone :

280 gr. di spaghetti Pasta Armando

130 gr. di ‘nduja di Spilinga Delizie Vaticane

2 zucchine verdi

1 carota

1 spicchio d'aglio 

1 ciuffo di erba oliva

sale e pepe q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica 

 


Procedimento :lavare e mondare le verdure, tagliare le zucchine a cubetti e carote a tagliatelle .

In una padella con un filo di olio extra vergine di oliva fate rosolare dolcemente uno spicchio d'aglio, poi fate saltare velocemente le tagliatelle di carote e quindi versatele in un piatto.

Nella stessa padella fare saltare le zucchine , ovviamente il tempo di cottura è più lungo delle carote , le zucchine devono essere cotte ma ancora croccanti . Versate le zucchine nel piatto con le carote condite con un pizzico di sale e pepe e un trito di erba oliva.

Fate cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata , scolateli al dente e conditeli con l'‘nduja e con le verdure croccanti , servite subito. Decorate a piacere con fiori eduli ed erbe aromatiche fresche .

 

Vino consigliato : 

 


Cabernet Sauvignon Vini dell'Isonzo Castello di Spessa




 

 



Share:

venerdì 18 giugno 2021

Fusilli con il tonno fresco e pomodorini



Ingredienti per 4 persone:

280 gr. di fusilli Pasta Armando
1 trancio di tonno fresco da 300 gr. circa

200 gr. di pomodori ciliegini1 peperoncino fresco

1 spicchio d’aglio
un pizzico di origano

2 cucchiai di olive taggiasche 

 1 cucchiaio di capperi dissalati La Nicchia

4 steli di prezzemolo

1 stelo di timo
sale q.b.
olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda Agricola Biologica

Procedimento: immergete il trancio di tonno in una bacinella con acqua fredda ( meglio se aggiungete alcuni cubetti di ghiaccio ), per almeno 30 minuti. Lavate i pomodorini e tagliateli in 4 parti, poneteli in un colino in modo che possano perdere l’acqua in eccesso.
Sciacquate il trancio ed asciugatelo con carta cucina, eliminate la pelle, quindi tagliatelo a cubetti non molto grossi.
Tritate finemente il prezzemolo e il timo.
Ponete sul fuoco una padella ( abbastanza grande da poter saltare la pasta ) con un filo d’olio extra vergine di oliva, aggiungere il peperoncino tritato e lo spicchio d’aglio intero, appena l’aglio prende colore, aggiungete i capperi dissalati , il tonno,  ( rosolatelo velocemente ), unite quindi i pomodorini, le olie taggiasche,  il sale ed un pizzico di origano, portate quindi a cottura , 12 minuti circa ( eliminare a questo punto lo spicchio d’aglio ).
Fate cuocere i fusilli in abbondante acqua salata, scolateli al dente, fateli saltare nel sugo, assieme ad una parte del trito di erbe aromatiche.

Impiattare la pasta e decorare a piacere con un ciuffo di prezzemolo.

Come vino consiglio di abbinare questo piatto ad un Pinot Grigio delle Venezie, servito fresco.



 

 

Share:

lunedì 14 giugno 2021

Filetto di maiale con ciliege e insalate esotiche

 

 


 E' arrivata la stagione delle ciliege ed io ho pensato di realizzare questo secondo piatto :

Filetto di maiale con ciliege e insalata esotiche

in casa tutti lo hanno apprezzato.

 

Ingredienti per 4 persone :

4 medaglion i di filetto di maiale

350 gr. di ciliege ( duroni , non troppo maturi )

½ cipolla rossa di Tropea Delizie Vaticane

90 ml. di marsala

70 gr. di insalata esotica 

1 cucchiaino di senape dolce

¼ di limone bio

farina per impanare q.b.

1 foglia di alloro

1 ciuffo di prezzemolo

sale marino alle erbe biologiche di Sicilia per carne Azienda Agricola Biologica Bonomo

pepe nero q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda agricola Biologica .

Procedimento : infarinare da tutti i lati i medaglioni di filetto di maiale e farli rosolare in una padella antiaderente con un filo di olio extra vergine d'oliva , quache minuto per lato ( devono risultare rosati all'interno , perchè poi saranno sottopostnad una seconda cottura ) . Estraete i medaglioni e depositateli su un piatto ricoperto da carta paglia . Poi conditeli con la salatura per carne .

Nel frattempo tritate finemente la cipolla rossa di Tropea e fatela rosolare in padella con un filo di olio extra vergine di oliva assieme alla foglia di alloro, aggiungete le ciliege denocciolate , mescolate per far insaporire il tutto , poi sfumate con il marsala e una volta sfumato aggiungete la senape dolce e un trito di prezzemolo. Continuate la cottura a fuoco dolce sino a quando le ciliege diventeranno morbide . A questo punto incorporate nella padella i filetti di maiale impanati e lasciateli insaporire nella composta di ciliege per alcuni minuti, girandoli spesso . Servite i filetti con l'insalata esotica condita con una vinaigrette di olio, succo di limone , sale e pepe .


Vino consigliato :

 


 

Cabernet Veneto IGT " Campo Croce "  Luvit&Lumoè

 

 

Share:

domenica 6 giugno 2021

La frisella pugliese a modo mio

 

 


Della frisella pugliese ne avevo sentito parlare ma non l'avevo mai provata . Cosa mi sono persa !!!Non potevo nemmeno immaginare quanto è buona  e le svariate ricette che si possono realizzare con questo prodotto tipico della cucina pugliese.

 Ingredienti per 4 persone:

4 friselle pugliesi di Altamura di semola di grano duro

8 fettine di culatta con cotenna il mandolino Salumificio La Rocca

170 gr. di mozzarelline

1 cipolla rossa di Tropea Delizie Vaticane

4 pomodori ramati maturi

20 pomodorini datterini maturi

erba oliva q.b.

origano secco q.b.

sale fino q.b.

olio extra vergine di oliva Bonomo Azienda agricola Biologica .

La Culatta  con cotenna il Mandolino proviene dalla lavorazione della stessa parte anatomica del Culatello, cioè la parte più pregiata del prosciutto. La differenza sta nel fatto che viene lasciato con due dita di grasso sotto la sua cotenna naturale e con l’anchetta, un piccolo ossicino a forma di conchiglia, che serve a proteggere il prodotto nella lunga stagionatura. E' lavorato e sugnato come fosse un prosciutto e alla fine, dopo più di un anno di stagionatura, risulta dolcissimo e ricco di aromi. .

I salumi La Rocca sono presenti oltre che sul loro sito sul portale di Artimondo per vendite e spedizioni nei seguenti paesi d’Europa: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, a questo indirizzo:https://www.artimondo.it/vendor_store/salumificio-la-rocca.Per finire sono presenti anche per il mondo Horeca ( ristoranti, gastronomie, bar o catering) così colpito dalla pandemia attivato una linea preferenziale e poter attivare previo la registrazione ad un listino scontato : https://www.salumificiolarocca.com/it/page/219-horeca.html

Procedimento :

Per la ricetta base della frisella mi sono affidata a Ornella una vera esperta in questa campo .

Come primo passaggio si inizia con la “sponzatura” .

Cosa vuol dire “sponzare”? Riferito alle friselle, è un verbo davvero intraducibile. Bagnare o inzuppare non rendono l’idea . Bagnate la frisella in una ciotola con acqua a temperatura ambiente. Mai sotto il getto del rubinetto. altrimenti la sponzaturta non sarà omogenea e non potrete regolarvi con i tempi necessari. Per quanto tempo dovete sponzare le friselle? Bella domanda. Nè troppo, nè troppo poco. Bisogna tastarle: la superficie dovrà risultare leggermente ammorbidita mentre il fondo dovrebbe essere quasi integro.

Mettetela in un piatto e fate un generoso giro d’olio extravergine;

salate;

Sopra la frisella spremete i pomodori rossi  ramati col il loro liquido di vegetazione ed i semi, strofinandoli bene sulla superficie rugosa; ho tagliato a tocchetti i pomodori , mentre i datterini ( che non li avevo spremuti li ho tagliati longitudinalmente .

Continuate con due buoni giri di olio;


 

Salate i pomodori;

Distribuite uniformemente un pizzico di origano secco e  dell'erba oliva tritata

Io ho poi aggiunto delle mozzarelline , delle fettine di cipolla rossa e solo prima di servirle ho posizionato al centro due fettine di culatta con cotenna . Ho decorato con alcuni ciuffi di erba oliva che a mio avviso sono perfetti in questo contesto.

 

Vino consigliato : Primitivo di Manduria .

 

 

 

 
Share:
Blogger Template Created by pipdig