giovedì 14 marzo 2013

Canestrelli con purea di zucca e polvere di capperi



Il binomio capesante e zucca marina di Chioggia è un antipasto spesso presente sulle tavole venete. Io ho reinterpretato la ricetta utilizzando dei molluschi : “i canestrelli” , simili alle capesante ma più economici ; ho poi realizzato un’originale purea di zucca con lardo d’Arnad e polvere di capperi. Ho insaporito i molluschi con la Pesteda , un antico insaporitore nato nella cucina Grosina e poi adottato da tutta la cucina valtellinese . Nella sua preparazione vengono utilizzate spezie ed erbe aromatiche che conferiscono ad ogni piatto un gusto unico. 
Infine per bilanciare i sapori ho aggiunto dei cubetti di gelatina balsamica. 

Il canestrello è un mollusco con conchiglia rotonda a ventaglio, simile a una piccola capasanta. Viene solitamente venduto senza conchiglia, ma io preferisco acquistare  ( dal pescivendolo di fiducia ),  quelli con la con la conchiglia, che  sono di migliore qualità. 
La sua preparazione più diffusa è la frittura, per questa ricetta io adottato la cottura al cartoccio. 

Il Veneto è una delle regioni italiane dove la zucca marina di Chioggia ha trovato un clima tale da permettere la sua coltivazione in modo intensivo. Questa varietà, grazie alle doti di buona conservabilità del frutto era un ortaggio sempre presente, assieme alla polenta , nelle mense più povere nel periodo invernale. Questo prodotto è tradizionalmente legato al territorio di Chioggia , ma è presente in tutto l’entroterra veneziano . E’ nota anche come “suca santa” o “suca baruca” questo termine deriva dall’unione di “verruca”( riferito alla sua buccia porosa ) e la parola ebrea “ baruch” ( santo Benedetto ). Deduco quindi che il termine “ zucca santa, o benedetta” trae origine dal fatto che questo ortaggio permetteva la sopravvivenza delle famiglie più povere nei periodi di carestia invernali.

 Veniamo quindi alla ricetta
 Ingredienti per 4 persone :

• 24 canestrelli con mezzo guscio
• 400 gr. di zucca marina di Chioggia
• 3 fettine di lardo d’Arnad DOP
• 1 cucchiaino di polvere di capperi La Nicchia
insaporitore Pesteda Vis q.b.
• gelatina balsamica Mariangela Prunotto q.b.
• 100 ml. di brodo vegetale
• alloro, salvia rosmarino, prezzemolo
• sale fino Gemma di Mare
• pepe nero
• olio extra vergine di oliva Dante

Procedimento: porre sul fuoco la vaporiera con circa 1 litro di acqua, sul fondo del cestello inserire foglie di alloro salvia e il rosmarino, quando l’acqua bolle inserire la zucca tagliata a fette spesse, ( circa 3.5 cm. ) coprire e farla cuocere per 13 minuti circa, estarla quindi dal cestello e lasciarla intiepidire su un piatto ,eliminare la buccia, poi schiacciarla con una forchetta. 

Tritare finemente il lardo d’Arnad , farlo rosolare su un tegame antiaderente, poi inserire la zucca farla cuocere a fuoco dolce,  aggiungendo gradualmente il brodo vegetale : quando la zucca ha ottenuto la consistenza di una purea , aggiungere la polvere di capperi, regolare di sale e pepe e mantecare con un filo di olio extra vergine di oliva. 

Staccare i canestrelli dalla conchiglia, lavarli cura e asciugarli con carta cucina. Insaporire i canestrelli con la pesteda e irrorali con un filo di olio extra vergine di oliva. Con un foglio di carta alluminio realizzate la base di  un contenitore, disponete i canestrelli in un unico strato, poi coprite con un altro strato di carta alluminio, in modo da formare una scatola e fate cuocere nella parte bassa del forno a 200° per una decina di minuti. 

Presentazione del piatto : con l’aiuto di un coppa pasta rotondo della Guardini porre al centro del piatto la purea calda di zucca, inserire da un lato i canestrelli, e dall’altro i cubetti di gelatina balsamica., decorare con un rametto di prezzemolo. 

Vino consigliato : Prosecco Conegliano-Valdobbiadene DOGG 

Con questa ricetta partecipo al contest : Dolcemente Salato in collaborazione con l’Azienda Agricola Mariangela Prunotto, lo Chef Claudio Sadler e Arricciaspiccia 

Share:

31 commenti

  1. ma che piatto sfizioso e coloratissimo...stupenda presentazione!

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio Ale.
    Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  3. Che capolavoro Dany, sempre insuperabile negli abbinamenti e nelle presentazioni. Un abbraccio, buona giornata

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio Federica. Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  5. Mia nonna preparava spesso i canestrelli, buonissimi.
    Piatto meraviglioso, ricco di gusto e colore!!
    Un abbraccio Daniela e tantissimi complimenti!!!

    RispondiElimina
  6. Ti ringrazio lory.
    Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  7. che piatto!! io adoro il pesce ma vivendo in Svizzera non lo conosco e non lo cucino, quindi appena ho letto canestrelli ho pensato fossero i biscotti che con i capperi, diciamo non mi facevano proprio gola!! Ora si! e ho pure imparato il nome di un nuovo mollusco!

    RispondiElimina
  8. Io non ho mai parole quando passo da te.. davvero, hai un talento unico, amica mia. Bellezza, colore e sapore tutto in un unico piatto! La mia bella chef!! :D <3 Tvb! Complimenti!

    RispondiElimina
  9. Si Monique hanno lo stesso nome, ma sono due cose diverse. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  10. Ti ringrazio Ely.
    Un grande abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  11. sarò ripetitiva, ma ogni volta che vengo qui mi sembra di essere al ristorante... ricetta, presentazione e abbinamenti! ma quanto sei brava dany?:) un abbraccio immenso :*

    RispondiElimina
  12. Ih ih ih non ti dico cosa pensavo di trovare nel tuo post leggendo il titolo...mai avrei immaginato di trovarvi un piatto di pesce....davvero stupenda la presentazione!

    RispondiElimina
  13. sei la regine della presentazioni Daniela !Un abbraccio !

    RispondiElimina
  14. Ringrazio :
    @ Simona Mirto
    @ artu'
    @ chiara Giglio
    buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  15. Daniela che ricetta incantevole! Mi piace molto il tuo modo di cucinare, c'è proprio da imparare :)

    RispondiElimina
  16. Ti ringrazio Clara.
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  17. sai che e' proprio bello questo piatto???

    RispondiElimina
  18. Una delicia, y la presentación sensacional.

    Saludos

    RispondiElimina
  19. Un piatto buonissimo.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  20. Per prima cosa ho imparato un sacco di cose da questo post, poi ho ammirato come sempre la vostra bravura e alla fine mi è sorta una domanda: Ma quando lo aprite questo ristorante??

    RispondiElimina
  21. Piatto molto interessante! La gelatina di balsamico ha però un ruolo un po' marginale! La purea di zucca con il lardo è davvero il top :)!
    Grazie mille!
    un bacione!
    Ema

    RispondiElimina
  22. Ciao cara piacere di conoscerti,complimenti per il blog ricette deliziose tua nuova follower passa da me,ti aspetto!

    http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
  23. Ringrazio :
    @ Monique
    @ Mariangela
    @ Cinzia
    @ jose manuel
    @ Maurizia
    @ Cuoredisedano
    @ Loredana: ci piacerebbe molto
    @ Emanuela : la gelatina di balsamico non ha un
    ruolo marginale, è una parte integrante del piatto, va gustata con la particolare purea di zucca con lardo d'Arnad e polvere di capperi e con i canestrelli al cartoccio
    @ Karina
    Biuona serata Daniela.

    RispondiElimina
  24. Ti ringrazio Giovanni. Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  25. Ti ringrazio Enrico.
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  26. Un concentrato di tecnica e chicche culinarie! Mai sentito parlare di canestrelli molto interessanti

    RispondiElimina
  27. Ti ringrazio sabry. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig