giovedì 11 giugno 2009

Risotto alla lavanda mantecato con il formaggio ubriaco al vino Prosecco




Il risotto alla lavanda è molto conosciuto in Francia soprattutto nella regione della Provenza , oggi mi è venuta l’idea di provare una mia versione del piatto, con prodotti a km zero, in particolare ho usato la lavanda del mio giardino ( quella che vedete nella foto ) e il formaggio ubriaco al Prosecco.

Ho presentato questa ricetta anche nel mio sito preferito:http://www.giallozafferano.it/

Ingredienti per 4 persone :

- 1 piccola cipolla bianca
- 1 spicchio di aglio
- 1 piccola patata novella
- 4 tazzine di riso
- 3 steli di lavanda
- 70 gr. di formaggio ubriaco al Prosecco
- 1 noce di burro
- 500 ml. di brodo vegetale
- prezzemolo, rosmarino
- sale e pepe
- olio d’oliva

Esecuzione : far soffriggere in un tegame con poco olio d’oliva la cipolla tritata, prezzemolo e lo spicchio d’aglio tritato, aggiungere poi la patata tagliata a piccoli cubetti, aggiungere un po’ di brodo vegetale, sale e pepe , cuocere per 10 minuti poi aggiungere i fiori di lavanda e il riso, quindi farlo tostare, poi aggiungere del brodo vegetale e portarlo a cottura. Spegnere il fuoco e mantecare con il formaggio ubriaco tagliato a piccoli cubetti, il burro e una macinata di pepe.
Confezionare il piatto con il risotto e decorare con del rosmarino fresco tritato e fiori di lavanda.

Come vino io ho abbinato del prosecco.

Note sul formaggio ubriaco : il formaggio "ubriaco" del Piave é un formaggio di radicata tradizione contadina nella provincia di Treviso, ed in particolare nella sinistra del fiume Piave. Il formaggio ubriaco ( o "formaio embriago" nel dialetto locale ), si ottiene da formaggio latteria di diverse stagionature che viene immerso nelle vinacce fresche di vino Cabernet, Merlot e Raboso appena svinate, conservato a 18-20° e continuamente irrorato con vino torchiato per 35-50 ore. Da alcuni anni si produce anche il formaggio ubriaco al Prosecco e al Ramandolo. Al termine la crosta si presenta dura, opaca , la pasta bianca, compatta, con delicato profumo dolce e vinoso, e con sapore caratteristico tendente al piccante.
Immergendo le forme nelle vinacce bagnate si riesce a garantire una piacevole aromatizzazione della parte più superficiale della crosta, ma anche la sua parziale impermeabilizzazione, che porta ad una maggior possibilità di conservazione.
La tecnica é nata nei secoli passati in sostituzione agli oli sempre usati per bagnare e impermeabilizzare la crosta dei formaggi; ma in certi periodi gli oli erano troppo cari o mancavano del tutto, per cui i casari locali si sono ingegnati, ed hanno utilizzato le vinacce, una materia prima a buon mercato e sempre presente in autunno.
Share:

22 commenti

  1. Daniela...sei unica!!! Questo è da provare, brava la me tosa!!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie Solidea, sei sempre gentilissima.

    RispondiElimina
  3. Daniela complimenti per il risotto
    e per tutto
    brava!!!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie nino i tuoi commenti mi lusingano

    RispondiElimina
  5. Daniela Bravissima!!! Hai un a Blog bellissimo oltre alle ricette. Come sono felice di averti scoperto!.
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  6. Grazie Alessandra anch'io sono felice di fare la tua conoscenza.

    RispondiElimina
  7. ciao!
    anche io ultimamente mi sono fatta ispirare dalla lavanda....ma in un dolce. mi piace tutta la grecia che sta in questo blog!

    phabya
    (mezza romana, mezza greca, mezza sarda)

    RispondiElimina
  8. Ciao PhAbYA felice di conoscerti, grazie dei complimenti, le foto sono di mio marito.

    RispondiElimina
  9. Io la proverò !!! per forza è stupenda questa ricetta. adoro la lavanda, non vedo l ora che fiorisca

    RispondiElimina
  10. Oggi ti sei superata! Ricetta deliziosa e incantevole anche nel titolo!!

    RispondiElimina
  11. Ringrazio :
    @ Angela
    @ Clara Pasticcia
    Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  12. ogni volta che vi vedo usarla dico che devo provare, ma non riesco a superare l'ostacolo XDXD

    RispondiElimina
  13. Provala , basta usarla in piccole quantità e vedrai che il suo sapore ti conquisterà. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  14. trovo questo risotto di una particolarità unica!!!
    complimenti cara :-)

    RispondiElimina
  15. immagino il gusto del formaggio al prosecco abbinato alla lavanda.. fantastico... :) bravissima:*

    RispondiElimina
  16. una proposta raffinatissima, Daniela sei davvero unica !Un abbraccio...

    RispondiElimina
  17. un piatto molto elegante nella presentazione ma anche nel gusto

    RispondiElimina
  18. Il risotto già da solo è ottimo, ma con la lavanda ha sicuramente quel tocco in più! Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. stupenda ricetta, ero indecisa se comprarmi una piantina di lavanda l'altro giorno, ora mi hai convinta ;)

    RispondiElimina
  20. Molto raffinato e insolito, sempre cose originali e validissime

    RispondiElimina
  21. Ringrazio :
    @ Ros
    @ Simona Mirto
    @ Chiara Giglio
    @ Stefania Benedetti
    @ Italians Do Eat Better
    @ Giulia Marin
    @ sabry
    @ Giovanni
    Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig