domenica 17 aprile 2011

Emozioni





Emozioni cromatiche. Emozioni semplici, immediate, di facile lettura.Fanno parte del nostro bagaglio inconscio, della nostra cultura più intima, dei ricordi perduti che riaffiorano sollecitati da un’immagine, spesso semplice e colorata.La semplicità sia come composizione, come quantità esigua di elementi, come accostamenti cromatici, aiuta in ciascuno di noi a sollecitare l’emozione latente che custodiamo nel più lontano angolino della nostra mente o, se preferite, del nostro cuore.Non c’è bisogno di fare una foto capolavoro per fare tutto ciò e, per questo, è ancora tutto più bello. Sorprendersi di fronte ad uno scatto pulito, ben costruito, dalle cromie interessanti e piacevoli, potervi leggere i nostri stessi ricordi, o anche la proiezione dei nostri sogni, delle nostre aspirazioni, di un semplice desiderio… Questo per me è il fascino della fotografia.La foto di oggi l’ho scelta proprio per dimostrare questo concetto. Non occorre fare foto “difficili”, “complicate”, tecnicamente da premio National Geographic, per intenderci, spesso basta una bella intuizione, il saper cogliere con semplicità e buona tecnica quello che abbiamo di fronte.Nelle bellissima immagine di Diocleziano Galella c’è racchiusa una emozione, una semplice emozione, facilmente condivisibile, facilmente leggibile da tutti noi.La parte geometrica in primo piano sembra, anche per colpa della sua colorazione opposta alla sfondo, ingabbiare un sogno, un desiderio…Tenerlo lontano, renderlo irraggiungibile, anche se con la sua forma arrotondata, si presenta come un ostacolo non cattivo, violento, ma come una situazione momentanea e non del tutto negativa, almeno apparentemente. Lo sfondo, infatti, così sfocato è facilmente assimilabile come iconografia classica di un’immagine irreale, di una rappresentazione onirica e con i suoi colori si pone in netta contrapposizione alla ringhiera di primo piano, che invece è ben nitida e leggibile in ogni particolare, quindi risulta essere la presenza forte e reale nel fotogramma.L’occhio attento si godrà, subito dopo aver indugiato sulle volute metalliche della pseudo-prigione, il bel paesaggio di Santorini che s’intuisce dietro allo sbarramento. Bella la divisione in terzi che dal bianco delle case in basso, sale verso il blu del mare che sfumando all’orizzonte si confonde con il celeste del cielo che,a sua volta, sfumando pian piano in alto riacquista la classica tonalità azzurra intensa delle splendide giornate assolate.In tutto questo c’è anche un risvolto psicologico. Alcuni leggeranno questa foto come una preclusione da parte di ostacoli (morali o economici) alla realizzazione di propri sogni e quindi valuteranno lo scatto negativamente; altri che si lasceranno condurre dalla speranza vedranno in questo scatto l’emozione del superamento degli ostacoli per raggiungere un proprio obiettivo e dopo aver ben valutato i rischi (avete notato la tela del ragno, al centro della struttura?) si lanceranno alla conquista del loro personale sogno, valutando quindi positivamente lo scatto.Quando una foto suscita così tanti pensieri e riflessioni, per me è una foto riuscita, una foto che dà qualcosa a chi la osserva. Peccato che a suo tempo questa foto del nostro Diocleziano, abbia incontrato poco interesse (18 visite e solo due commenti), ma si sa, la rete ha strani meccanismi… Alberto Gianfranco Baccelli(bagdesign)




Foto di Diocleziano recensita da Alberto Gianfranco Baccelli sul sito fotografico Micromosso.
Share:

12 commenti

  1. Condivido appieno queste parole. La foto è ricchissima in tutta la sua semplicità. Ammirarla e contemplarla mi apre uno scenario di sogni e fantasie. Complimenti, un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Condivido pienamente la recensione di questa emozionante e suggestiva immagine!! Complimenti di vero cuore, un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Bella recensione, e stupenda la foto, bravissimo. Bacioni.

    RispondiElimina
  4. condivido le tue parole Daniela. Una foto bellissima nella sua semplicità. Ti auguro una stupenda giornata

    RispondiElimina
  5. per me nella semplcita' che puo' essere in uno scatto ,in un piatto,in un abbraccio ci sta sempre un grande amore per cio' che si fa.Complimenti a Diocleziano un grande abbraccio a te..baci e buon lunedi

    RispondiElimina
  6. Una foto fantastica! Daniela.
    Me encanta ese paisaje, balcón al mar...al infinito.
    Un beso.

    RispondiElimina
  7. Ringrazio:
    - Federica
    - Lady Boheme
    - maricacristina
    - valerioscialla
    - Scarlett
    - Empar
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  8. Diocleziano ha fatto uno scatto bellissimo!
    complimenti!

    RispondiElimina
  9. Ti ringrazio Gio'.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  10. foto bellissima, esprime benissimo i concetti della recensione, che condivido in pieno. Saper rendere quella semplicità e essenzialità senza grandi artifici è il 'quid pluris' di un bravo fotografo. Complimenti

    RispondiElimina
  11. Proprio bellissima questa foto e ho la voglia di essere li.

    RispondiElimina
  12. Ringrazio:
    - Acky
    - Ciao Chow Linda
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig