lunedì 3 agosto 2009

Risotto alla Lionora.




Questa che vi propongo è una ricetta storica, nata probabilmente nella città di Marostica.
Marostica è una cittadina del Veneto, situata in provincia di Vicenza, poco lontano da Bassano del Grappa; presenta una curiosa conformazione urbanistica che risale all'epoca della dominazione scaligera (1311-1387), con una cerchia di mura completa che collega due castelli eretti alle opposte estremità, uno in pianura e l'altro in posizione dominante, sulla sommità di un erto colle disabitato.

Marostica è famosa soprattutto per la partita a scacchi che narra della vicenda di due nobili guerrieri, Rinaldo d'Angarano e Vieri da Vallonara, i quali si innamorarono entrambi della bella Lionora. Il padre di Lionora, il Castellano di Marostica Taddeo Parisio, proibi' ai due di sfidarsi in duello come prevedeva l'usanza del tempo, ed ordino' loro di giocare una partita al nobile gioco degli scacchi, a tale scopo fece costruire sulla piazza della cittadina, la famosa scacchiera. Taddeo decise che il vincitore della singolare sfida avrebbe sposato la bella Lionora, mentre colui che avesse perso avrebbe sposato sua sorella minore Oldrada divenendo anch'egli suo parente.
A Marostica si svolge ogni anno nella prima settimana di settembre, la rievocazione storica con la partita degli scacchi, con personaggi viventi in costume medievale, in cui i due nobili si contendono l’amore della bella Lionora. Il museo con i costumi ( alcuni d’epoca ) è aperto tutto l’anno.

Ingredienti per 4 persone :

- 4 tazzine di riso vialone nano
- 1 litro di brodo di carne leggero
- 1 scalogno
- 100 gr. di petto d’anitra femmina, privo di pelle e nervetti
- 75 gr. di ciliegie ( duroni di Marostica ) snocciolate e tagliate a spicchietti
- 75 ml. di vino rosso cabernet giovane, non barricato del Veneto Orientale
- prezzemolo, erba cipollina e rosmarino.
- 30 gr. di burro
- 40 gr. di montasio stravecchio grattugiato
- olio extra vergine d’oliva
- sale
- pepe rosa secco in grani da macinare al mulinello.

Esecuzione del piatto : portare gradatamente ad ebollizione il brodo, nel frattempo tritare lo scalogno, il prezzemolo e poco rosmarino e farli appassire in un tegame con poco olio extra vergine d’oliva , aggiungere il petto d’anitra tagliato a piccoli cubetti e il sale, mescolare e farli soffriggere per qualche minuto, quindi aggiungere le ciliegie tagliate a spicchietti, mescolare per qualche istante, unire il riso e farlo tostare, poi aggiungere il vino cabernet rosso e lasciare che quest’ultimo si consumi completamente prima di iniziare ad aggiungere il brodo a piccole quantità, mescolare spesso.
Proseguire la cottura sino a quando il riso sarà cotto al dente.
Togliere quindi il tegame dal fuoco e mantecare con il burro a pezzetti, il montasio grattugiato, e una generosa grattugiata di pepe rosa.
Questo risotto deve essere servito morbido, all’onda; guarnire il piatto con dell’erba cipollina e dei germogli di rosmarino fresco tritati finemente. Porre al centro del piatto una ciliegia.

Ho abbinato a questo piatto lo stesso vino utilizzato per la ricetta :
del cabernet rosso giovane del Veneto Orientale.

Con questo piatto partecipo alla raccolta :

Share:

36 commenti

  1. Che meravigliosa ricetta della tradizione , resa ancora più gustosa dal racconto e dalla presentazione elegante. Odio ripetermi ma, bravissima come sempre..e già che ci sono ti auguro una felice settimana!Baci Manu.

    RispondiElimina
  2. Ciao Manuela grazie del commento e dei tuoi complimenti. Buonasettimana, baci Daniela.

    RispondiElimina
  3. Ciao super!! Come sempre la tradizione entra nelle tue proposte, mi piace il tuo stile.....a presto.

    RispondiElimina
  4. Non posso che associarmi ai commenti precedenti, bravissima e originale come sempre!!

    RispondiElimina
  5. Daniela sei così brava che ogni volta è una sorpresa diversa. Bella ricetta ed interessante preambolo.
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  6. Ringrazio:
    Solidea e Solema.
    Siete gentilissime come sempre.
    Ogni tanto, anzi spesso, mi piace ricordare delle antiche ricette,perchè fanno parte della nostra storia.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  7. Grazie Alessandra sono felice che la ricetta con la sua storia ti sia piaciuta.
    ciao Daniela.

    RispondiElimina
  8. Ciao!!! Porto una grande notizia!!! Su Giallo Zafferano è partita una sfida “all’ultima brace”!Si tratta di un concorso per aspiranti griller, con in palio un barbeque del valore di 1.000,00 euro!
    Non farti scappare l’occasione di metterti in gioco! Collegati ed iscriviti gratuitamente a Giallo zafferano e partecipa anche tu!
    Trovi maggiori informazioni seguendo questo link:
    http://forum.giallozafferano.it/contest-bbq-grilling-experience/
    Se hai bisogno di una mano a capire come funziona, sono a tua disposizione, clicca sul mio nome in questo messaggio ed accedi al mio blog, lasciami pure la tua richiesta per email o nel post dedicato a questa iniziativa…..spero di vederti tra i concorrenti!
    Con simpatia:
    Clamilla (su giallo zafferano sono martinaS)

    RispondiElimina
  9. Grazie Martina della dritta.

    RispondiElimina
  10. sarei retorica nello scrivere cio' che i precedenti post hanno fatto ma credimi non ho altro da farti che i complimenti per la semplicita' in cui riesci ad abbinare storie e tradizioni,e succulenti piatti..... un grande abbraccio da Scarlett

    RispondiElimina
  11. Grazie Scarlett del commento.
    Baci Daniela.

    RispondiElimina
  12. Piatto meraviglioso, accompagnato da una bellissima tradizione.
    Ciao

    RispondiElimina
  13. Ti ringrazio Stefano.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  14. Muy buena receta e información.
    Saludos.

    RispondiElimina
  15. Grazie Germain del commento.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  16. Ciao, grazie per essere passata nel mio blog. La foto in alto è Santorini ? Meravigliosa !!!
    Ora mi guardo il tuo blog.
    Buona serata :-)

    RispondiElimina
  17. Sì la foto è stata scattata a Santorini.
    Grazie della visita, ciao Daniela.

    RispondiElimina
  18. Grazie della visita.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  19. Daniela, posso dire che il risotto è meraviglioso?..
    Grazie per aver pensato a me!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  20. Grazie Rossa di sera del gradito commento.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  21. Grazie Isabelle della visita.
    ciao Daniela.

    RispondiElimina
  22. Ciao Daniela! Grazie a questo strepitoso risotto ho avuto la fortuna di conoscere il tuo bellissimo blog! Mi aggiungo tra i tuoi sostenitori per non perdermi i tuoi aggiornamenti...Mi piacciono tanto le fotografie dei piatti che prepari... Un saluto da Bassano del Grappa

    RispondiElimina
  23. Ciao Lalu è un piacere fare la tua conoscenza, ora passo farti visista. Buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  24. un risotto davvero appetitoso, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  25. non sono mai stata a Marostica e non consocevo nemmeno le cieliege, il piatto è delizioso, da provare.

    RispondiElimina
  26. conosco Marostica, è bellissima e questo risotto di certo delizioso !

    RispondiElimina
  27. Daniela, è una ricetta splendida e che tra l'altro non conoscevo quindi l'ho letta con molto interesse!
    buon fine settimana e un caro abbraccio

    RispondiElimina
  28. Ringrazio :
    @ Silvia
    @ Stefania Benedetti
    @ Chiara Giglio
    @ Clara pasticcia
    Buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  29. Io che abito vicino a Marostica mica le sapevo tutte ste cose.... :( che vergogna!!!!!

    RispondiElimina
  30. Mi ripeto ma ogni volta che passo qui vedo cose meravigliose!

    RispondiElimina
  31. Che buono! Questo risotto lo mangerei volentieri, bello anche il colore!

    RispondiElimina
  32. Ringrazio :
    @ Fra
    @ sabry
    @ Italian do Eat better
    Buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  33. spettacolare... il tuo solito tocco di classe:*

    RispondiElimina
  34. ed ecco aggiungersi una nuova informazione al bagaglio :) con te si impara ogni giorno!

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig