venerdì 19 marzo 2010 34 commenti

Risi in cavroman con gli asparagi



Il riso in cavroman è un’antica ricetta veneta di derivazione espressamente orientale, io ho rivisitato questa ricetta ed ho aggiunto degli asparagi bianchi di Bibione ( VE ).

Ingredienti per 4 persone:

- 300 gr. castrato di capretto o pecora
- 300 gr. di riso vialone nano
- 1 cipolla bianca di Chioggia
- 8 asparagi bianchi
- 100 ml. di vino bianco
- 2 spicchi d’aglio
- 1 chiodo di garofano
- 1 foglia di alloro
- 1 mazzetto di erbe miste
- 20 ml. di aceto di vino bianco
- ½ limone biologico
- 1 pezzetto di cannella
- 750 ml. di brodo di verdure
- 1 noce di burro
- 40 gr. di grana grattugiato
- olio extra vergine di oliva
- sale e pepe


La parte del castrato indicata per questa ricetta è la parte della spalla o della schiena.

Esecuzione: in un contenitore preparate la marinata con acqua, aceto,le erbe miste, 1 spicchio d’aglio tritato e il succo di limone, coprite e lasciar riposare in frigo per almeno 4 ore. Al termine togliete il castrato dalla marinata, lavatelo sotto l’acqua corrente e tagliatelo a tocchetti grandi come una nocciola. Tritate la cipolla e fatela stufare in un tegame con un filo d’olio extra vergine di oliva, e alcuni cucchiai di brodo, a fuoco dolce per circa 5 minuti.
Riscaldate un’altra padella con 2 cucchiai d’olio, e a fiamma vivace fate rosolare lo spezzatino minuto di castrato. Appena i pezzetti di carne saranno ben dorati, sgocciolateli, ed uniteli alla cipolla stufata. Lasciate insaporire il tutto quindi sfumate con il vino. A questo punto chiudete in una garza
lo spicchio d’aglio con il chiodo di garofano conficcato, un pezzetto di cannella, la foglia di alloro spezzettata e legate il tutto a sacchetto. Aggiungete il sacchetto con gli aromi alla carne, salate, aggiungete un pizzico di pepe e cuocete a tegame coperto , a fuoco dolce per 50 minuti circa. Durante la cottura aggiungete , quando necessario del brodo vegetale caldo.
Spuntate, sbucciate, lavate e tagliate gli asparagi a fettine, ( tenete da parte le punte ).
A questo punto eliminare il sacchetto con gli aromi, aggiungere poi nella casseruola il riso e gli asparagi ( tranne le punte ) mescolate e aggiungete in un’unica soluzione tutto il brodo necessario per portare il riso a giusta cottura; dopo 10 minuti aggiungete anche le punte degli asparagi,’ Al termine mantecare con burro e grana. Lasciate riposare per alcuni minuti e quindi servite.

Ho abbinato a questo piatto del vino Lison Classico del Veneto Orientale.

Curiosità: sembra che lo strano nome di questo risotto derivi dal termine “ capra”.
Nell’anno 1000 sviluppatasi i traffici marittimi con l’Oriente, tramite le crociate, Venezia diventò
un punto d’incontro centrale, dove arrivavano i mercanti dell’intera Europa, per acquistare pepe, cannella, zucchero,zafferano, chiodi di garofano ed altri sapori, di cui i ricchi signori facevano ampio uso per insaporire i loro cibi. Tracce di questa ricetta si trovano nel calmiere dei prezzi che il doge Sebastiano Zani promulgò nel 1173. Questo risotto, come altri risotti veneti, ha un metodo di cottura nettamente diverso dai risotti lombardi, che vengono accuratamente tostati nel burro, prima di essere portati a cottura con la graduale aggiunta di brodo. Il metodo di cottura di dei risotti veneti, ricorda il metodo orientale pilaf; solamente che il pilaf viene cucinato nel forno, mentre in Veneto il riso è cucinato sul fornello, ed ha una consistenza leggermente più brodosa.
Un’altra curiosità l’ asparago inteso come coltura ha origini lontanissime che si perdono nell’antica Mesopotamia e nell’Egitto dei Faraoni.

Con questa ricetta partecipo al contest di Pasqua di Esperya con "il cucchiaio d'oro".




34 commenti:

  1. Molto interessante, mi piace scoprire queste ricette storiche... e questa non lo conoscevo davvero!
    che buoni gli asparagi, son così contenta inizi la stagione!
    bravissima come sempre!:)

    Terry

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio Terry.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  3. Cara Daniela, a chiusura di sera e dopo cenato, non avrei nessuna voglia di mettermi in bocca nulla ma, una cucchiaiatina del tuo riso si....!!!!!!Adoro il riso, gli asparagi, il castrato. Buonissima ricetta che potrei fare a Pasqua. Grazie e buona notte. deny

    RispondiElimina
  4. Un risotto così ricco è davvero perfetto per la tavola di Pasqua ed i tuoi post sono sempre molto interessanti ed istruttivi. Un bacione cara, buon week end

    RispondiElimina
  5. Ottimo risotto...adoro gli asparagi!
    Volevo informarti che è pronto il pdf della raccolta di ricette con il cocco.
    ciao!

    RispondiElimina
  6. io non mangio determinate carni, ma cio' non toglie che questo risotto deve avere dei profumi strepitosi!

    RispondiElimina
  7. Muy bueno ese arroz. Y curiora la forma de preparación de un mismo plato en diferentes localidades.
    Suerte en el concurso.
    Un beso.

    RispondiElimina
  8. Grazie mille per aver partecipato!

    RispondiElimina
  9. Buonissimo, gli asparagi sono pure di stagione!!!! assolutamente da provare...un abbraccio

    RispondiElimina
  10. bel primo non ti smentisci mai con le tue fantastiche ricette!!!felice week end e sempre complimenti !!baci

    RispondiElimina
  11. Daniela, mia cara, tu sai quanto adori il riso, un'altra ricetta che sinceramente ho molto molto spprezzato e annotato.
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  12. Wild, I have never used white asparagus before. Great looking risotto!

    RispondiElimina
  13. piatto complesso, interessante ricco di sapori..io poi non so resistere ai risotti

    RispondiElimina
  14. Intrigante e curioso il sapore di questo piatto! con tutte le spezie che hai utilizzato, sicuramente è anche molto profumato!
    baci baci

    RispondiElimina
  15. Ringrazio:
    - deny
    - Federica
    - nicoleta
    - dauly
    - Empar
    - il cucchiaio d'oro
    - Luciana
    - Scarlett
    - Alessandra
    - Natashya KitchenPuppies
    - Paolo
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  16. Vi ringrazio Manuela&Silvia
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  17. ciao daniela,
    la tua gentilezza mi fa arrossire... grazie mille ^.^
    se ti và passa un'attimino...

    ...ho un premio per te... appena puoi passa a ritirarlo ^.^

    ti lascio il mio link:http://langolodinanny.blogspot.com/2010/03/la-barba-dei-frati-in-insalata.html

    buon fine settimana

    RispondiElimina
  18. Ti ringrazio anna, vado subito.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  19. che dire Dany un piatto eccellente!!!! brava

    RispondiElimina
  20. Ti ringrazio Tiziana.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  21. veramente bel piatto e un po' di storia sulle nostre aboìitudini e tradizioni di cucina, non guasta mai! complimenti!

    RispondiElimina
  22. Adoro conoscere la storia dei piatti,da dove provengono e anche le usanze a cui sono spesso legati.
    Un gustoso primo piatto tutto da gustare :P

    RispondiElimina
  23. Notizie sempre interessanti per i tuoi piatti mai banali! Un bacione (anche a lui dai... ;)))

    RispondiElimina
  24. Ringrazio:
    - dolcipensieri
    - Nanny
    - Alessia
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  25. Grazie Daniela ;)
    Molto interessante questo riso...Anche la storia di questo piatto..ho imparato qualche cosa oggi..Ciao.

    RispondiElimina
  26. Ti ringrazio Marina.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  27. Ciao Daniela! Come sta? This is a beautiful dish. I love white asparagus very much. Over here, it is served only at high-end restaurants. The way you cooked this - perfetto!

    RispondiElimina
  28. Ti ringrazio Ju.
    un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  29. che bella ricetta, davvero interessante!
    la tengo in serbo per un incontro importante
    ;)
    Notte

    un tocco di zenzero

    RispondiElimina
  30. Ti ringrazio Sandra.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  31. Um risotto riquíssimo em aromas e sabores! Nunca provei algo parecido (com canela!).
    Beijinhos

    RispondiElimina
  32. interessante questa ricetta veneta che non conoscevo, ed ora finalmente tornano gli asparagi!

    FrancescaV.com

    RispondiElimina
  33. Da te scopro ricette della tradizione davvero interessanti :))

    RispondiElimina
  34. Ringrazio:
    - Tania
    - Francesca
    - Milena
    Ciao Daniela

    RispondiElimina