martedì 5 aprile 2016

Ricette con erbe spontanee di primavera : risotto con il silene



Il silene vulgaris è una pianta perenne che cresce ovunque : sui prati, nei campi incolti e anche ai margini delle strade . Ha lunghe foglie lanceolate , attaccate al basso fusto, che vanno a formare i ricchi cespugli da cui  in primavera germogliano le nuove foglie , più chiare e morbide : sono queste la parte commestibile e sono davvero ottime nei risotti , nelle frittate e ideali per accompagnare salumi, formaggi e anche il pesce.
La pianta produce i caratteristici fiori bianchi a calice .


Il suo nome nel dialetto del veneto orientale è  “sciopetin” ; il termine deriva da un antico gioco infantile , per cui i calici bianchi dei fiori venivano adagiati su un palmo e schiacciati con l’altro . Il suono emesso dalla rottura dei calice era appunto un piccolo scoppio.
Nel Pordenonese è conosciuto come grisol, nell’Udinese lo si chiama sclopìt , nel Triestino grisolo , ma è conosciuto anche come erba del cucco.
Rif. adattato da : Sapori friulani - Erbe spontanee di primavera

I germogli del silene


Esistono moltissime versioni della ricetta “ risotto con il silene “ io, in questo caso ho optato per la ricetta della mia tradizione di famiglia con una piccola variazione , ho usato per la mantecare il risotto del pecorino grattugiato al posto del classico parmigiano.

Ingredienti per 4 persone :

240 gr. di riso vialone nano
100 gr. di germogli freschi di silene
1 litro di brodo vegetale
1 piccolo scalogno
3 cucchiai di formaggio pecorino grattugiato
30 gr. di burro
sale e pepe q.b.
olio extra vergine di oliva Bonomo

Procedimento : lavare con cura il silene , staccare le foglie e i ciuffetti più teneri, gettare i gambi. Tritare il tutto grossolanamente.
Tritare finemente lo scalogno e farlo rosolare delicatamente in una casseruola con 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva .
Aggiungere il silene e farlo insaporire nell’intingolo per 7 minuti a fuoco dolce.
Aggiungere il riso e tostarlo per circa 1 minuto, poi iniziare a versare il brodo bollente , un mestolo per volta e far cuocere il risotto a fiamma dolce per 15 minuti circa, mescolando spesso . Quando il riso sarà cotto al dente , spegnere il fuoco, regolare di sale e pepe , aggiungere il burro e il pecorino grattugiato e mantecare velocemente .
Lasciar riposare il risotto per 1 minuto, prima di servirlo.
 
Vino consigliato : Friulano della Linea I Ferretti Tenuta Luisa







Share:

25 commenti

  1. sembra delizioso..sai che non conoscevo il silene?sono curiosissima di provarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariafelicia, ti consiglio di provare questa ricetta , il silene rende il risotto molto saporito . Fammi sapere . Un saluto, Daniela.

      Elimina
  2. Bellissima ricetta e interessanti le informazioni.Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Cristina . Un saluto, Daniela.

      Elimina
  3. qui li chiamiamo sclopit e sono deliziosi nel risotto, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara , in casa tutti li adoriamo . Un abbraccio, Daniela.

      Elimina
  4. Particolare questa ricetta con il silene che non conoscevo. E ottimo anche l'abbinamento! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo il silene, l'aspetto di questo risotto mi piace molto.

    RispondiElimina
  6. Ma sai che non conoscevo il silene, devo dire che sembra davvero gustoso questo risotto e voglio provare a rifarlo assolutamente :D

    RispondiElimina
  7. io adoro i risotti, è il piaccio che faccio più spesso, questo in particolar modo mi piace tantissimo, sarà ottimo,mmmm che odore! :-D

    RispondiElimina
  8. Silene???? non lo conoscevo proprio, ma è proprio per questo che seguo il tuo blog, perchè faccio delle scoperte interessanti!

    RispondiElimina
  9. ammetto la mia ignoranza , non conoscevo quest'erba! il risotto mi attira molto, è proprio fresco e primaverile!

    RispondiElimina
  10. non conoscevo quest'erba ed ora non vedo l'ora di provare questa splendida ricetta. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. mi hanno sempre attirato molto le erbe spontanee. a conoscerle e trovarle!!! questo risotto dev'essere delizioso, già solo il colore conquista :) un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  12. Non conosco questa erba ma assomiglia tanto a una che mi cucina mia madre ma il nome lo so solo in dialetto....

    RispondiElimina
  13. il silene proprio non ne conoscevo dell'esistenza ma la tua ricetta mi fa venir voglia di provarci

    RispondiElimina
  14. Voglio provare assolutamente questa ricetta,sei stata bravissima,l'aspetto è delizioso 👍

    RispondiElimina
  15. Non sapevo si chiamasse silene. Adoro il riso con ogni condimento. Questa ricetta è da provare. Grazie anche per il suggerimento del vino da abbinare.

    RispondiElimina
  16. Mai vista questa pianta, mi hai incuriosita guarderò con attenzione in giro. Comunque il tuo risotto è davvero invitante.

    RispondiElimina
  17. Non sapevo che il silene è una pianta edibile, una ricetta molto particolare.

    RispondiElimina
  18. Ma daiiii si mangia anche? Io mi diverto sempre con gli scoppietti! Ma la prossima volta posso raccoglierli per fare un risotto come il tuo!!😄

    RispondiElimina
  19. Io non riconosco proprio le erbette, potrei raccogliere solo erbacce lasciando lì nei campi tutte quelle buone.
    Non riuscirò quindi mai a preparare un risotto con le erbette spontanee. Un vero peccato!

    RispondiElimina
  20. sarà un risotto buonissimo, questo silene non lo conoscevo!

    RispondiElimina
  21. Grazie per le informazioni...complimenti!!!!

    RispondiElimina
  22. una gran bella idea per un risotto originale e tradizionale insieme

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig