mercoledì 10 febbraio 2010

Tagliatelle al ragù


Le tagliatelle al ragù sono state definite dalla rivista “ Cucina Italiana” un piatto tipico “ nazionale”.
Nell'ottobre del 1982 la delegazione di Bologna dell'Accademia Italiana della Cucina ha depositato presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna, la ricetta ufficiale del ragù bolognese, allo scopo di garantire la continuità ed il rispetto della tradizione gastronomica bolognese in Italia e nel mondo.
Frugando nel cassetto dei ricordi, il mio piatto preferito, di quando ero bambina, erano certamente le tagliatelle al ragù. Nella mia famiglia, le tagliatelle fatte in casa venivano preparate ( in quantità quasi industriale, dato il numero dei commensali ) in quelle occasioni particolari in cui tutta la famiglia si riuniva.
Solo il fatto di tirare la sfoglia con la macchinetta mi riempiva di orgoglio, e quando poi mi veniva servito il piatto di tagliatelle le assaporavo molto lentamente, con vero piacere; ancora adesso ricordo quella piacevole sensazione.
Questa che vi racconto è la ricetta della mia mamma,molto diversa dall’originale ricetta bolognese.
Dosi per 4 persone:

Ingredienti per le tagliatelle:
- 300 gr. di farina 00
- 3 uova biologiche
- qualche goccia di succo di limone biologico.
Esecuzione : fare una fontana sulla spianatoia con la farina, e al centro fare un incavo, rompere le uova e versarle nell’incavo con qualche goccia di limone, mescolare carpendo di volta in volta un po’ di farina, in modo che lentamente siano completamente assorbite. Impastare almeno per 15 minuti, poi lasciar riposare la pasta per alcuni minuti, quindi passarla a pezzetti nella macchinetta, sino ad ottenere una sfoglia dello spessore desiderato ( nel mio caso, n° 3 ). Lasciar asciugare la pasta qualche minuto, quindi passarla nell’apposita bocca per tagliatelle.

Ingredienti per il ragù:
- 200 gr. di carne macinata scelta di manzo
- 100 gr. di pancetta fresca macinata
- 70 gr. di fegatini di pollo, puliti e privati delle parti grasse
- 300 gr. di conserva di pomodoro fatta in casa
- 100 ml. di vino bianco
- 200 ml. di brodo vegetale
- 1 cipolla bianca di Chioggia
- 1 carota
- 1 gambo di sedano verde
- prezzemolo, rosmarino, alloro, salvia
- sale e pepe
- olio extra vergine di oliva

Esecuzione: far soffriggere il trito di pancetta e verdure, portarle quasi a cottura,( circa 10 minuti )aggiungere la carne tritata e il vino. Ad evaporazione del vino terminata aggiungere la conserva di pomodoro, sale e pepe e il mazzolino odoroso composto da alloro, rosmarino e prezzemolo. Cuocere per almeno 45 minuti a fuoco dolce, aggiungendo quando necessario del brodo di verdure. A questo punto tritare i fegatini di pollo ( una parte di fegatini andrà tritata in cubetti molto piccoli, una parte in cubetti leggermente più grandi ) ed aggiungerli al sugo assieme a qualche foglia di salvia. Continuare la cottura per altri 15-20 minuti a fuoco dolce.
A questo punto cuocere la pasta al dente, scolarla e farla saltare con il ragù. Spolverare il piatto con delle formaggio grana grattugiato, oppure in scaglie, e decorare a piacere con del prezzemolo fresco.

Come da tradizione, ho abbinato a questo piatto a del vino Malbeck delle Venezie.

Con questa ricetta partecipo al contest : "la tagliatella nazionale" della rivista "La cucina Italiana".





Notizie curiose sulle tagliatelle, fonte: Wikipedia.
Secondo una leggenda le tagliatelle sarebbero state inventate nel 1487 dal bolognese mastro Zefirano, cuoco personale di Giovanni II di Bentivoglio: in occasione del matrimonio di Lucrezia Borgia (che passò da Bologna nel viaggio verso Ferrara, per sposare il Duca di Ferrara, Alfonso I d'Este) per preparare la pasta si ispirò ai suoi biondi capelli. In realtà è soltanto una storiella inventata dall'illustratore e umorista bolognese Augusto Majani nel 1931.


« Fate una pasta d'ova e di farina,
E riducete rimenando il tutto
In una sfoglia, ma non troppo fina,
Uguale, soda e, sul taglier pulito,
Fatene tagliatelle larghe un dito.

Che farete bollire allegramente
In molt'acqua salata, avendo cura
Che, come si suol dir, restino al dente;
Poiché se passa il punto di cottura
Diventan pappa molle, porcheria,
Insomma roba da buttarla via.


Dall'altra parte in un tegame basso,
Mettete alcune fette di prosciutto
Tagliato a dadi, misto, magro e grasso;
Indi col burro rosolate il tutto.
Scolate la minestra e poi conditela
Con questo intinto e forma, indi servitela.


Questa minestra che onora Bologna
Detta la Grassa non inutilmente
Carezza l'uomo dove gli bisogna,
Dà forza ai muscoli ed alla mente
Fa prender tutto con filosofia
Piace, nutre, consola e così sia. »
(Lorenzo Stecchetti)
Share:

34 commenti

  1. evvai...un piatto della tradizione con tutti i crismi!
    grande Dany!

    RispondiElimina
  2. Stupefacente,tutto il post,la foto fa venire l'acquolina in bocca,il racconto ti riporta indietro nel tempo dove i veri sapori facevano da padrone nelle tavole imbandite..che dirvi auguri per il contest!!e un grande elogio per come presentate e raccontate i vostri piatti!!bravi e baci

    RispondiElimina
  3. Caspiterina... devo scappare a casa, non riesco a leggere tutto! Ma spero che l amia mamma, mi abbia preparato per cena proprio questo! Fameeeeeeeeeeee....
    ciao

    RispondiElimina
  4. Dimenticavo... complimenti a Diocleziano!!! bacio
    ciao

    RispondiElimina
  5. e una parmigiana come me che deve fare a questo punto?? un applauso!!!!! per me la tagliatella al ragù rimarrà sempre e comunque il piatto più buono che ci sia!

    RispondiElimina
  6. Ciao Daniela,

    una presentazione fantastica. Complimenti
    Saluto Jacob

    RispondiElimina
  7. splendido questo piatto!! in tutti i sensi! ciao!

    RispondiElimina
  8. Ringrazio:
    - terry
    - Scarlett
    - Alessia
    - Dauly
    - Jacktels Kochbuch
    - Federica
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  9. AUGURONI di cuore...piatto e post fantastici!!!!!!!!!!!!!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  10. un gran piatto proprio ben fatto!

    RispondiElimina
  11. Uno dei grandi classici della cucina italiana che hai presentato a regola d'arte.
    Complimenti Dany, un abbraccio

    RispondiElimina
  12. such a delicious looking dish of pasta!!

    RispondiElimina
  13. Che buona!! Adoro il ragú!!!
    Bravissima

    RispondiElimina
  14. eh si, ci credo che siano un piatto tipico, tutti sanno farle e soprattutto sappiamo mangiarle così beneeeee ;D
    Complimenti per il piattini a quest'ora poi... che fameeee!!!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao complimenti un piatto classico che non invecchia mai...ti è uscito molto bene...un bacio Luciana http://daldolcealsalato.myblog.it/

    RispondiElimina
  16. Ringrazio:
    - Marifra
    - iana
    - Federica
    - Zurin
    - Laura
    - Betty
    - Luciana
    Ciao Daniela

    RispondiElimina
  17. Uno dei miei piatti favoriti. Mi viene la voglia di mangiarli oggi.

    RispondiElimina
  18. Huuuu non sarei mai in grado di fare il ragù :P Ma me la mangerei subito questa pasta, dieta permettendo!

    RispondiElimina
  19. Aquestes Tagliatelle han de ser bones per força! I és que no hi ha res com la recepta de la mama!
    M'han agradat moltíssim les fotos del plat. I m'han vingut unes ganes de menjar-me'l.... mmmmm que bo!
    Petons

    RispondiElimina
  20. un classico che non muore mai....brav!!!!!

    RispondiElimina
  21. Ringrazio:
    - Linda
    - Rosmarina
    - Margarida
    - Masterchef
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  22. ciao tesoro!! ti sono venute benissimo!! ^_^
    un bacione e w l'italia!! :D (culinaria :D)

    RispondiElimina
  23. Homemade pasta very impressive! It looks delicious!

    RispondiElimina
  24. Ciao Daniela, che buona! It's gorgeous. A proud looking plate of pasta. I adore it. You're a masterchef!

    RispondiElimina
  25. Bravisima come sempre, foto e ricetta stupende!!!
    Un saluto a Diocleziano!
    Ti ringrazio per essere passata da me e ti auguro un buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  26. Yum! Tagliatelle is my favourite kind of pasta.

    RispondiElimina
  27. Meravigliosi!!! Uno dei tesori della cucina italiana. Il mio amore per la pasta nutrito già nella lontana Argentina, è stato ellevato alla enessima potenza da quando sono in Italia, dove ho potuto conoscere e viziarmi con le vere ricette della tradizione.Non mi resisto a queste tagliatelle al ragù alla bolognese che poi li hai presentati superbi!! Complimenti Daniela!! Un bacione. Sil

    RispondiElimina
  28. beh come non darvi ragione: le tagliatelle sono un piacere sia a prepararle sia a mangiarle... la tua foto emana anche profumo, buone!!! ciao

    RispondiElimina
  29. Ringrazio:
    - Roberta
    - Barbara Bakes
    - Ju
    - Solema
    - Natashya KitchenPuppies
    - Sil
    - Dolci pensieri
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  30. ciao....

    queste tagliatelle... sono un inno a peccare di gola... decisamente deliziose sia nell'aspetto che sicuramente nel sapore....
    _^

    RispondiElimina
  31. Che post gustoso! non so da dove incominciare... Sei sempre più brava.
    Un abbraccio Alessandra

    RispondiElimina
  32. Cara Daniela,
    le tagliatelle con il ragù sono uno dei miei piatti preferiti, intramontabili!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  33. quando leggo queste ricette penso...che bella la tradizione culinaria delll'Italia
    Paolo

    RispondiElimina
  34. Ringrazio:
    - Nanny76
    - Alessandra
    - luna d'argento
    - Paolo
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig