lunedì 4 gennaio 2010

La pinza dell’epifania secondo l'usanza del Veneto Orientale.




I falò di inizio anno sono una tradizione popolare del Nordest consistente nel bruciare delle grandi cataste di legno e frasche nei primi giorni di gennaio, solitamente la vigilia dell'epifania. Data la sua larga diffusione, ne esistono moltissime versioni e denominazioni: in Friuli è detto pignarûl (plurale pignarûi), in Veneto panevìn o panaìn (da pan e vin "pane e vino", il povero cibo che si consuma durante il falò), pìroła-pàroła, vècia ("vecchia": le pire possono assumere la forma di un fantoccio), nel basso Friuli e nel Veneto Orientale foghèra o casèra.
Sembra che questa usanza risalga a riti pre-cristiani: i Celti infatti accendevano dei fuochi per ingraziarsi la divinità relativa e bruciavano un fantoccio rappresentante il passato.Rimasta intatta come rituale da svolgersi nella vigilia dell'Epifania, ancor oggi la fiamma simboleggia la speranza e la forza di bruciare il vecchio (non a caso si può bruciare la "vecchia" posta sopra la pira di legna) e la direzione delle scintille viene letta come presagio per il futuro:: se le fuìsche le va a matìna, ciòl su'l sàc e và a farina; se le fuìsche le va a sera pàn e poènta a pièn caliera ("se le faville vanno a oriente, prendi il sacco e va a farina; se le faville vanno a occidente, pane e calderone pieno di polenta").Il rito dei fuochi è anche un momento in cui la comunità si raccoglie per stare in compagnia. Viene accompagnato dalla degustazione di vin brulè e di pinza, focaccia tipica di questa festa. ( fonte Wikipedia )


Ingredienti:
150 gr. di uva passa
150 gr. di fichi secchi
I cucchiaio da tè di semi di finocchio
1 piccola mela
1 bustina di lievito mastro fornaio
½ limone – ½ arancia
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaino di sale
5 cucchiai di zucchero
150 gr. di burro
100 ml di olio di semi di mais
500 ml di latte
la polpa di una piccola fetta di zucca cotta al forno
75 gr. di farina di mais precotta
450 circa gr. di farina
zucchero a velo a piacere
mie aggiunte personali : i gherigli di 4 noci – 1 cucchiaio di pinoli

Procedimento:
Versare in una scodella 150 ml di latte tiepido, aggiungere l’uva passa, i fichi secchi tagliati a fettine, i gherigli di noci, il cucchiaio di pinoli e i semi di finocchio e lasciar riposare per circa ½ ora.
In una terrina far sciogliere il lievito con 100 ml di latte tiepido, 1 cucchiaino di sale e 1 cucchiaio di zucchero, aggiungere circa 70 gr. di farina e un goccio d’olio, coprire con un canovaccio e lasciar riposare.
Sbucciare e tagliare a fettine sottili la mela, disporre le fettine di mela su di un piatto, coprirle con il succo di ½ limone e un po’ di zucchero.
A questo punto prendere l’impasto di lievito, aggiungere la scodella con la frutta secca ammollata nel latte, la polpa di zucca, grattugiare la buccia di ½ arancia ed aggiungere le fettine di mela e per ultimo lo zucchero rimanente.
Far bollire il latte rimanente con dentro la buccia di limone (aggiungere anche un po’ d’acqua ).
Togliere la buccia di limone, versare la farina di mais precotta, il miele e un goccio d’olio mescolare per alcuni minuti ottenendo così una polentina morbida e lasciarla intiepidire.
Riprendere l’impasto della pinza, versare la polenta , il burro sciolto e l’olio rimanente ed impastare con la farina rimanente.
Mettere l’impasto in teglia da 32x24 mm. foderata con carta forno ed infornare per circa 30-35 minuti a 180°. ( consiglio di coprire la pinza con della carta di alluminio per i primi 15 minuti.
A piacere spolverizzare con dello zucchero a velo.


La "pinza" è senz'altro uno dei dolci più antichi della cucina veneta, ne esistono di diversi tipi, ma tutte hanno come base la farina di mais e la farina 00 ( farina de fior ).

Un tempo la pinza veniva cotta sulle braci e coperta con delle foglie di verza perchè non si bruciasse durante la cottura.

Nel Veneto Orientale la pinza è il dolce tipico dell'Epifania e viene preparato quasi esclusivamente in questo periodo, fatta eccezzione per il paese di San Giorgio al Tagliamento ( VE ), nella vicinanze di Bibione, dove la pinza viene tuttora preparata per ferragosto, festa del paese, paese che viene anche sopranominato "San Giorgio della pinza."

Un'antica credenza popolare dice che la pinza porti una una grande fortuna alle ragazze che intendono maritarsi ; per poter usufruire di questa fortuna, bisogna che le ragazze, il giorno della befana, vadano a mangiare un pezzetto di questo dolce in 7 case diverse, si dice che il risultato è garantito. Sempre per questa credenza, un pezzetto di questo dolce veniva avvolto su di un tovagliolo di lino bianco e conservato anche per mesi.

Ricordo che quando ero bambina, ed abitavo in campagna, tutto il vicinato si riuniva in una famiglia, si accendeva la casera, subito dopo la benedizione dell'acqua in chiesa , si mangiava un pezzettino di pinza , poi si faceva il giro ( si accendevano le casere ) di tutte le altre famiglie, e alla fine si decretava la massaia che per per quell'anno aveva preparato la pinza piu' buona ( è uno dei ricordi più belli della mia infanzia ).


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Betty:













Share:

47 commenti

  1. Quanto mi piace conoscere le tradizioni!!!La pinza è fantastica!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  2. Non sapevo di questa tradizione. Sei stata brava? La befana viene a casa tua domani sera?

    RispondiElimina
  3. Sounds like a wonderful tradition. A great way to bring people together.

    RispondiElimina
  4. Conoscevo i falò per la festa dell'Immacolata ma non per la vigilia dell'Epifania. E' bello scoprire queste tradizioni e soprattutto far sì che non si perdano nel tempo. La pinza mi sembra un po' "laboriosetta" dev'essere buonissima, così ricca di frutta secca e profumata di agrumi. Un bacio

    RispondiElimina
  5. mi piace tanto questo post,come d'altronde tutti i vostri,conoscere usi e costumi di un piatto e di chi lo ha in passato preparato...bravissimi come sempre baci!!

    RispondiElimina
  6. Bellissime queste tradizioni, da mantenere ASSOLUTAMENTE!!!
    Bravi Bravi
    Bacioni e Buona Epifania

    RispondiElimina
  7. Come amo la pinza...e come mi piacciono queste ricette della tradizione!!! bravissima Daniela!!!

    RispondiElimina
  8. quanto mi piacciono queste ricette della tradizione!!!! Sembra buonissima!!!

    RispondiElimina
  9. Ringrazio:
    - Marifra79
    - Linda
    - Barbara Bakes
    - Federica
    - Scarlett
    - Germana
    - Terry
    - Colombina
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  10. ciao carissima...!!! ma è mai possibile che mi perdo sempre i tuoi post?? ho troppo da fare..mi devo dare una calmata!! :DD
    che belli gli aneddoti che ci racconti :)
    e che buono questo dolce!! il giusto x concludere le feste! un bacionissimo!

    RispondiElimina
  11. Auguri Daniela! Buona Epifania!!!

    RispondiElimina
  12. Molto bello il tuo blog, complimenti. Ho letto con molto interesse della pinza e delle storie della tradizione. Si vede che sei una persona attenta e sensibile... anche dagli altri post. Verrò a trovarti ancora e ti metterò nella lista dei miei preferiti. Ciaooo, ti mando un abbraccio e tanti auguri di buon anno nuovo.

    RispondiElimina
  13. Che bellissimo racconto, sul filo di ricordi e tradizioni.
    Pensa che proprio stasera, sul tg regionale, avevo sentito dire "pane e vin" e non capivo cosa c'entrasse con i tipico falò.
    Anche il dolce dev'essere proprio buono, da noi non si fa, ma fa proprio voglia provarlo.

    RispondiElimina
  14. Nell'augurarti buon anno (in ritardo) invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed interpreti del 2009.

    VOTA I MIGLIORI FILM ED INTERPRETI DEL 2009!

    RispondiElimina
  15. Ciao mia cara, bellissmo post come sempre a ricordarci le belle tradizioni che abbiamo... Io per non rischiare ieri sera sono rimasta tappata in casa....
    Buona Befana! Baci Alessandra

    RispondiElimina
  16. Grazie in ritardissimo di tutti gli auguri che contraccambio di cuore!
    Quelli del compleanno li tengo che questa volta era pure vero... ;-)

    RispondiElimina
  17. Ringrazio:
    - Roberta
    - Amber
    - Ross
    - Albertone
    - Amos Gitai
    - Alessandra
    - Simona Pinto
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  18. E' una tradizione che non conoscevo e che ho appreso con interesse ....
    Ciao :))

    RispondiElimina
  19. Ciao, sono ancora in tempo per gli auguri ed.. una domanda? Voglio fare la pinza questa sera. Il latte (150ml) dell'uvetta va aggiunto o serve solo per ammollare la frutta? Mia mamma aggiungeva snche della grappa (si sa, fa freddo... :-)) Che dici posso sostituire un po' di latte con il liquore?? Grazie

    RispondiElimina
  20. Ciao VipeRina nella mia ricetta il latte serve per ammollare la frutta secca. Come specificato nel post esistono varie versioni della ricetta, un tempo gli ingredienti variavano in base alla disponibilità della dispensa. puoi sostutuire il latte tranquillamente con un po' di liquore.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  21. Non conoscevo questa delizia! Ti è venuta benissimo, complimenti ^_^

    RispondiElimina
  22. Ti ringrazio miracucina.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  23. grazie per avermi fatto conoscere questa tradizione :) non ne sapevo nulla! complimenti a te e alla tua bellissima pinza! buona settimana!

    RispondiElimina
  24. Amo le tradizioni e questo dolce lo conosco bene :)
    Un bacione grande!!

    RispondiElimina
  25. carissima tu sei una miniera di informazione e sapere! te lo dico di cuore... c'è sempre qualcosa da sapere ed imparare qui! complimenti, complimenti, complimenti!! meraviglioso dolce:*

    RispondiElimina
  26. Ricetta favolosa, e grazie per tutte le belle tradizioni e ricordi che ci hai raccontato, brava!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  27. E' completamente diversa dalla Pinza di trieste, mi sembra molto buona, vorrei farla...Buona settimana

    RispondiElimina
  28. è un dolce che amo, all'inizio pensavo fosse come l'analogo tristino e invece no, tutto un altro sapore e che sapore! Ma sai che non avevo individuato al presenza del finocchio? proverò a farlo in casa anche se l'epifania è ormai passta

    RispondiElimina
  29. Ringrazio :
    @ Giovanni
    @ Lory B.
    @ simona Mirto
    @ carla
    @ Chiara
    @ Stefania
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  30. Non ho mai assaggiato questo dolce, sarà buonissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariangela . Buona serata Daniela.

      Elimina
  31. Provalo Mariangela te lo consiglio. Buonaserata Daniela.

    RispondiElimina
  32. Auguri ! anche se in ritardo !

    RispondiElimina
  33. Sai che non ho mai assaggiato la pinza? La tua ha un ottimo aspetto, vorrà dire che mi toccherà "sacrificarmi" e assaggiarla al più presto! ;-)

    RispondiElimina
  34. Ringrazio :
    @ Anna
    @ Elisa
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  35. sono di origini veneto friulane eppure non avevo mai sentito questa leggenda né assaggiato la pinza dell'epifania ma a giudicare dalla tua foto sembra goduriosa!

    RispondiElimina
  36. Ciao Cristina , come indicato nel post , questa ricetta , cosi come le leggende ad essa riferita è legata al Veneto orientale , e come indicato nel post ogni città o paesino aveva propria leggenda . Per quanto riguarda la ricetta , ogni famiglia aveva una sua ricetta personale, e molti ingredienti variavano, in base agli ingredienti presenti in dispensa. Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  37. me la segno ! Buona settimana...

    RispondiElimina
  38. mi piacciono le leggende che ci raccontano le nostro tradizioni e penso che questo dolce sia veramente buono. Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  39. Mi piacciono le ricette tradizionali, sapere la loro storia e i riti a loro legati.

    RispondiElimina
  40. Adoro i riti e le tradizioni, anche se sono lontane dalle mie, mi riportano comunque alla mia infanzia.
    Non ricordo se a Napoli si accendono fuochi all'Epifania, ma leggendo il tuo post ho ricordato quello che accendiamo a sant'Antonio Abate. Deliziosa la pinza! Un bacio

    RispondiElimina
  41. sembra buonissimo!
    se ti va passa a trovarmi :viviconvivi.blogspot.it

    RispondiElimina
  42. mi piace scoprire le ricette della tradizione, questa deve essere squisita! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  43. i dolci della tradizione sono sempre tutti buonissimi!

    RispondiElimina
  44. Che delizia la tua pinza, brava! Un bacio

    RispondiElimina
  45. Mi piacerebbe proprio provarla, le ricette della tradizione mi incuriosiscono sempre tanto. Complimenti.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig