mercoledì 18 aprile 2012

Risotto con il peverèl

Piatto Easy Life

I germogli di papavero nel Veneto Orientale sono detti anche peverèl . Vanno raccolti preferibilmente prima della fioritura.

Tagliere Algia

In cucina , i germogli di papavero possono essere usati cotti per realizzare minestre , risotti, sughi e creme,oppure come verdure cotte ; si possono utilizzare anche crudi per realizzare delle insalate.

Ingredienti per 4 persone :

• 240 gr. di riso carnaroli
• 300 gr. di peverèl ( germogli di papavero )
• 2 ravanelli
• 2 fettine di lardo stagionato
• 20 gr. di montasio stravecchio in scaglie
• 400 ml. di brodo vegetale
• 1 spicchio d’aglio
• prezzemolo
• 7 grani di pepe rosa
• Fior di sale Gemma q.b.
• Olio Flaminio extra vergine di oliva D.O.P Umbria

Procedimento : mondare i germogli eliminando solo il torsolo che tiene uniti i gambi. Poi lavarli con cura.
Sbollentare i germogli in acqua bollente. Scolarli e tritarli grossolanamente.
Fare un trito finissimo con il lardo, lo spicchio d’aglio, il prezzemolo e i grani schiacciati di pepe rosa. Inserire in un tegame un filo di olio extra vergine di oliva, aggiungere il trito e fate sciogliere il lardo a fuoco dolce , per alcuni minuti sino a quando si sarà sciolto completamente. A questo punto aggiungete il trito di peverèl , sale e pepe. Lasciate insaporire per alcuni minuti ; quindi aggiungete il riso, mescolate spesso, aggiungendo del brodo vegetale quando necessario, e portate a cottura, lasciandolo ad una consistenza molto morbida. Mantecare con un filo di olio extra vergine di oliva e lasciar riposare per alcuni minuti prima di servirlo.

Presentazione: foderare con delle fettine di ravanelli un coppapasta rotondo della Guardini , inserire il risotto e sopra delle scaglie di montasio stravecchio.

Vino consigliato : Sauvignon del Veneto Orientale


Con questa ricetta partecipo al contest di Ely : Chi non risotta in compagnia...

Share:

20 commenti

  1. Non avrei mai pensato che i germogli di papavero fossero commestibili. E’ proprio vero che non si finisce mai di imparare. Sarei davvero curiosa di assaggiare questo risotto. Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  2. Ma Daniela sai che non sapevo nemmeno io che si potessero mangiare i germogli di papavero? Una ricetta meravigliosa e una vera scoperta! Grazie per aver partecipato! Baci

    RispondiElimina
  3. Quin arròs més bo!!! I el que m'ha encantat és la presentació, amb aquestes làmines de raves. Queda super elegant!!!
    Sort en el concurs, Daniela!
    Petons

    RispondiElimina
  4. J'adore le riz et ce plat m'attire beaucoup. Bisous

    RispondiElimina
  5. Germogli di papavero!! Non lo sapevo proprio che potessero essere usati in cucina!! Ottimo piatto e sempre splendida presentazione!! Un abbraccio Daniela!!!!!

    RispondiElimina
  6. È la prima volta che vedo l'uso dei reni di papavero in cucina. Se avete fatto, certo è un risotto stupendo.

    RispondiElimina
  7. mai mangiato un risotto simile, da provare assolutamente! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Ringrazio :
    @ Federica
    @ Ely
    @ Margarida
    @ Amélie
    @ Marifra
    @ Tania
    @ sissina
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  9. complimenti a chef e a fotografo

    due domande: il rapanello ha solo una funzione decorativa oppure è funzionale alla ricetta per il gusto forte? rapanello a parte, posso usare la stessa preparazione anche per un risotto allo sclopit (silene vulgaris)?

    ciao e grazie

    RispondiElimina
  10. Ciao Paolo per la stessa preparazione, puoi tranquillamente usare lo scopit. Il rapanello è una parte integrante del piatto, va affettato sottillissimo, e assieme al risotto si combina perfettamente.
    Daniela.

    RispondiElimina
  11. Sono seriamente incuriosita dall'uso dei germogli del papavero... ma intendi proprio il fiore? Sembra una cosa fighissima!!!

    RispondiElimina
  12. Sì Serena intendo proprio i germogli di papavero di campo. Vedi anche questo link : http://www.pollicegreen.com/papavero-comune/5912/
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  13. ¡Que receta más interesante! nunca había oido hablar de usar los brotes de las amapolas para cocinar, sólo las semillas en los dulces.
    Un beso.

    RispondiElimina
  14. ..da provare!!!!
    Sei una fonte di ispirazione!!!
    Sempre bravissima!!!
    Un abbraccio e felice we!!!!

    RispondiElimina
  15. Ringrazio :
    @ Empar
    @ Lory B.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  16. Non conoscevo il peverel. Questo risotto sarà buonissimo!

    RispondiElimina
  17. Ti ringrazio Enrico.
    Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  18. Complimenti i tuoi piatti oltre ad essere squisiti sono molto decorativi, bellissimi direi!! Brava davvero!!

    RispondiElimina
  19. Eccellente: dopo averlo provato stasera lo pongo al secondo posto (dopo il grisol)

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig