giovedì 24 maggio 2012

Le forade da nòza

Piatto Algia




Un tempo i matrimoni per le genti povere del bellunese , erano feste molto modeste, non ci si poteva permettere di indossare abito costosi, e nemmeno ci si poteva permettere di utilizzare fiori o coccarde pregiate, ci si affidava così alle nobili mani delle donne, che preparavano in casa le forade da nòza.

Questo biscotto a forma di ciambella era appuntato su ciascun vestito degli invitati per ornarlo, e alla fine dei festeggiamenti poteva essere mangiato, e in alcuni casi veniva conservato, per un certo periodo ,come portafortuna. La ricetta era molto semplice a base di albumi d’uovo, zucchero , una spruzzata di grappa e frumina. Con la pasta ottenuta si realizzavano delle palline, che poi venivano leggermente appiattite con le mani e poi forate con il cono di un imbuto. Venivano spolverati con dei confettini colorati , fatti cuocere nel forno e una volta freddi, si decoravano con dei nastri di stoffa colorata, per poterli appuntare sui vestiti degli invitati.

( info tratte da DolomitiBelluno Autunno 2009 )



Ispirandomi a questa ricetta storica ho realizzato i miei biscotti.



Ingredienti :

• 280 g di farina per crostate e biscotti Pivetti

• 150 g di burro

• 130 g di zucchero a velo

• un uovo bio

• ½ fialetta aroma al rum Droghe Palma

• confettini colorati

• un pizzico di sale




Procedimento: inserire in una terrina il tuorlo d’uovo con lo zucchero e un pizzico di sale, montare leggermente con una forchetta,  poi aggiungere la farina e il burro freddo, tagliato a piccoli cubetti , impastare con le mani sino ad ottenere una palla, coprire con un film trasparente e lasciar riposare in frigo per 30 minuti.

Stendere la pasta con un mattarello, con un coppa pasta rotondo della Guardini realizzare dei dischi e poi forare al centro con il cono di un imbuto. Spennellare i biscotti con del burro fuso e decorarli con dei confettini colorati.



Inserite i biscotti in una teglia ricoperta con carta forno, cuoceteli in forno preriscaldato a 190° per 13 minuti circa.


Vino consigliato : Torchiato di Fregona.









Con questa ricetta partecipo al Contest : “mmm…cookies” di Giulia&Giulia






Share:

18 commenti

  1. Deliziose queste ciambelline così allegre e colorate :) Un bacio, buona serata

    RispondiElimina
  2. ils sont magnifiques et bien tentants, bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  3. Ahhhh le tradizioni le adoro sono le nostre radici che non dovremmo mai dimenticare, brava!

    RispondiElimina
  4. Ringrazio:
    @ Federica
    @ Fimère
    @ Antonietta
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  5. Bellissima questa ricetta legata al territorio...grazie per avercela fatta conoscere!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  6. che allegria ^__^ e di sicuro che bontà!!!

    RispondiElimina
  7. Belle, colorate e genuine!!
    Viva le tradizioni!!
    Felice giornata!!!

    RispondiElimina
  8. Ma che cosa deliziosa: mi piacciono queste storie che si tramandano.
    Carinissimi davvero questi biscotti!

    RispondiElimina
  9. E' bellissimo venire a conoscenza di queste tradizioni!

    RispondiElimina
  10. sono molto belle e colorate, un abbraccio, buon WE, SILVIA

    RispondiElimina
  11. Ringrazio:
    @ Loredana
    @ anna
    @ Lory B.
    @ Robjana
    @ Marjlou
    @ sissina
    Buon we Daniela.

    RispondiElimina
  12. adoro le ricette della tradizione, specialmente se hanno una storia dietro come queste

    RispondiElimina
  13. Mi piace la storia di questi biscotti, sono davvero deliziosi!

    RispondiElimina
  14. Questi biscotti sono bellissimi e di buon augurio; inoltre sono stati realizzati sulla base di una ricetta storica e per un'amante della storia come me questo li rende anche preziosi! :-)

    RispondiElimina
  15. Deliziose e ben presentate!!! Complimenti, un abbraccio, a presto

    RispondiElimina
  16. Ringrazio:
    @ Isognatori di Cucina e nuvole
    @ Chiara
    @ Le pellegrine Artusi
    @ Italina Do Eat Better
    @ Lucia
    @ Lady Boheme
    Buona serata Daniela.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig